Attualità

Sanità, stabilizzazione dei precari: anche a Latina la raccolta firme di Fp Cgil

L’iniziativa il 3 febbraio all’ospedale Goretti. Il sindacato: “Un’azione concreta per il potenziamento straordinario del personale in sanità”

Fa tappa anche a Latina la raccolta firme nelle nelle strutture sanitarie del Lazio promossa dalla Funzione Pubblica Cgil per la stabilizzazione dei precari. Oltre che all’appuntamento nel territorio di Frosinone domani, 3 febbraio, l’iniziativa sarà all’ospedale Santa Maria Goretti dalle 12,30 alle 14,30

“La Fp Cgil lancia un’azione concreta a sostegno delle stabilizzazioni per i tanti lavoratori precari del sistema sanitario regionale - spiegano attraverso una nota dal sindacato -. Le fila del personale a tempo determinato nelle Aziende Sanitarie sono ulteriormente aumentate durante l’emergenza Covid: le istituzioni devono ora avviare un percorso che porti alla stabilizzazione di chi lavora nel Servizio Sanitario Regionale ed ha diritto a veder riconosciuto l’impegno umano e professionale, a maggior ragione nel caso di personale che ha messo al servizio della salute dei cittadini durante la pandemia. Se si è stati in grado di sostenere i servizi in emergenza, lo dobbiamo al lavoro di tutti gli operatori sanitari, medici, infermieri, oss, tecnici e tantissime altre professionalità che hanno dato e stanno dando il massimo, nei nostri ospedali e nei servizi territoriali”.

“La questione, tuttavia, si somma a una carenza storica di personale: chiediamo da anni un’azione straordinaria sul potenziamento della sanità pubblica, che compensi il calo dovuto alle fuoriuscite e alla mancata compensazione dovuta al blocco del turn over e al commissariamento. Un trend che ha portato il Lazio a perdere in 15 anni poco meno del 40%, lasciando il personale in servizio con un’età media elevata e maggiori rischi per la loro salute”.

“Le assunzioni che si sono tornate a programmare e quelle fatte in via straordinaria e a termine, durante il Covid, attingendo da graduatorie di concorsi già espletati o ricorrendo a manifestazioni d’interesse, così come la programmazione di nuovi concorsi, non sono sufficienti. Soprattutto - ricorda Giovanni Salzano, segretario generale della Fp Cgil Frosinone Latina - debbono essere tracciati percorsi chiari e legittimi di stabilizzazione del tanto personale precario che oggi opera nel Servizio Sanitario. Il Governo deve dare risposte concrete prevedendo l’estensione delle procedure previste dalla legge Madia allungando i termini fino al 2023, altrimenti verranno penalizzati proprio le lavoratrici e i lavoratori assunti come precari durante la pandemia e utilizzati, molto spesso, nei reparti a rischio Covid più elevato. Alla Regione chiediamo di aumentare lo sforzo economico per assumere, stabilmente, ulteriori lavoratrici e lavoratori per tutti i profili, sia sanitari che tecnici che amministrativi. Un asse importante della vertenza complessiva per nuove e straordinarie assunzioni stabili in sanità pubblica, attraverso ogni spazio possibile, che preveda anche la prosecuzione delle chiamate dalle graduatorie aperte, l’indizione di nuovi concorsi e l’immissione di nuove risorse per il potenziamento dei servizi sanitari pubblici”.

“Il nostro - concludono dal sindacato -, al di là delle semplici dichiarazioni, è un percorso di mobilitazione chiaro e con azioni ben precise, per il lavoro, la valorizzazione delle professionalità, l’estensione e il miglioramento dei servizi pubblici ai cittadini, per questo domani saremo davanti gli ospedali pontini per una raccolta firme delle lavoratrici e dei lavoratori a supporto della nostra vertenza per la stabilizzazione di tutto il personale precario del sistema sanitario regionale”. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, stabilizzazione dei precari: anche a Latina la raccolta firme di Fp Cgil

LatinaToday è in caricamento