Il mare di Terracina premiato dai pediatri: consegnata la Bandiera Verde 2019

Conferenza stampa con Amministrazione e balneari. Delegata alla Sanità Barboni: “Riconoscimento importante e meritato”

Il mare di Terracina premiato dai pediatri. C’è stata questa mattina, presso lo stabilimento balneare “Lido Corallo”, la conferenza stampa di consegna della Bandiera Verde dei pediatri 2019, riconoscimento ideato per premiare le località marine con caratteristiche adatte ai bambini, selezionate attraverso un’indagine condotta fra un campione di pediatri. Presenti all’incontro gli assessori comunali Emanuela Zappone (Ambiente) e Barbara Cerilli (Turismo), il delegato comunale alla Sanità Maurizia Barboni (che lo scorso giugno ha ritirato il vessillo in una cerimonia svoltasi a Praia a Mare, presso Cosenza), il presidente del SIB (Sindacato Balneari) Felice Di Spigno, e l’operatore balneare Gino Di Lello.

L’obiettivo della Bandiera Verde, istituita dal professor Italo Farnetani nel 2008, è quello di aiutare le famiglie a scegliere le località di mare, meta preferita per chi ha bambini, per trascorrere il periodo di vacanza nel modo più idoneo e sicuro, in base alle valutazioni dei pediatri, in modo tale che genitori e figli possano trarre i maggiori vantaggi dalla vacanza, con benefici per la salute e la crescita.

“Voglio esprimere i miei più sinceri ringraziamenti al consigliere delegato Maurizia Barboni e a tutti i nostri imprenditori del settore balneare per il grande impegno finalizzato all’ottenimento di questo importante riconoscimento, che sancisce l’affermarsi di una diffusa cultura ambientale e l’elevata qualità dell’offerta turistica di Terracina – ha dichiarato l’assessore Zappone –. Si tratta di una vittoria frutto del lavoro e dell’impegno congiunto di persone che hanno a cuore il bene della nostra città. Un premio per il turismo, per tutta la nostra comunità e per l’ambiente: grazie ai nostri stabilimenti balneari per i loro servizi all’avanguardia, capaci di soddisfare le esigenze di cittadini e turisti, a dimostrazione che la conduzione familiare che caratterizza i nostri stabilimenti è un modello positivo in grado di garantire un servizio eccellente e di prima qualità”.

“Dal punto di vista turistico, è sempre molto importante ottenere dei riconoscimenti prestigiosi come la Bandiera Verde dei pediatri, unitamente alla Bandiera Blu – le parole dell’assessore Cerilli –. Ciò, infatti, contribuisce a promuovere Terracina a livello internazionale, sottolineando il fatto che le nostre spiagge sono l’ideale per le famiglie, perché possiedono tutte quelle caratteristiche volte a soddisfare le esigenze di bambini e adulti, che possono fruire le nostre numerose strutture nella più totale sicurezza”.

“La nostra città possedeva già da diversi anni i requisiti per ottenere la Bandiera Verde ma questi, incredibilmente, non erano finora stati presi in considerazione – spiega il delegato comunale alla Sanità, Maurizia Barboni, promotrice e curatrice dell’iniziativa –. Si tratta di un risultato davvero importante, che testimonia come le nostre spiagge e le nostre strutture siano ampiamente fruibili anche dai bagnanti più piccoli. Tutto ciò è frutto di un lavoro che mi ha portato, nel corso dell’intero anno, a raccogliere 35 dichiarazioni di pediatri del nostro territorio, poi inviate al professor Farnetani. L’indagine ha avuto esito positivo e, finalmente, questo prestigioso riconoscimento è arrivato anche a Terracina, e per questo esprimo la mia più grande soddisfazione e i miei più sinceri ringraziamenti a tutti coloro che, dall’Amministrazione Comunale agli uffici preposti, fino all’amico Di Lello che mi ha sostenuto e incoraggiato, si impegnano nella battaglia per rendere Terracina una città più bella, più vivibile, più sostenibile e più sicura per tutti. Anche e soprattutto per i bambini”.

Di Spigno e Di Lello, dal canto loro, hanno sottolineato “la soddisfazione per questo riconoscimento che incrementa l’appetibilità turistica di Terracina. L’intero settore dei balneari è da anni impegnato, attraverso investimenti e innovazioni, ad offrire un servizio all’altezza, avendo una cura particolare per il benessere delle famiglie durante le vacanze. Quest’anno è stato reistituito, in collaborazione con l’Amministrazione, anche il Salvataggio Collettivo, un servizio che aumenta gli standard di sicurezza, che copre il 90% del litorale e che ha già dato prova di efficienza in alcune occasioni consentendo che la vacanza non si trasformasse in dramma. Esistono ancora delle criticità per quanto riguarda il fenomeno dell’erosione costiera, del ripascimento e coltiviamo  il sogno di recuperare integralmente la caratteristica bellezza della sabbia delle nostre spiagge. Noi abbiamo già dichiarato e confermiamo di essere disponibili in qualunque momento a fare la nostra parte”. 

Potrebbe interessarti

  • Tiziano Ferro si è sposato, nozze blindate nella sua villa di Sabaudia

  • Notte Bianca a Latina: tutti i divieti per sabato 20 luglio. Come cambia la viabilità

  • Sabaudia, per l'estate tour gratuito in battello sul lago di Paola

  • Street art contro la mafia: murale dedicato a Falcone e Borsellino nel cuore di Latina

I più letti della settimana

  • Tiziano Ferro si è sposato, nozze blindate nella sua villa di Sabaudia

  • San Felice Circeo, divieto di balneazione alla foce di Rio Torto: l’ordinanza del sindaco

  • Tragedia nel mare di Latina: sub di 19 anni muore durante un’immersione

  • Ponza: malore in nave, non ce l’ha fatta il comandante soccorso in mare

  • Cosa fare nel weekend? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

  • Incidente sull’Appia: tre auto coinvolte. Un ferito grave, atterra l’eliambulanza

Torna su
LatinaToday è in caricamento