rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Attualità

Vaccini, D’Amato: “Non aspettate la scadenza del Green Pass. Terza dose già dopo sei mesi”

Le parole dell’assessore regionale alla Sanità nei giorni in cui anche nel Lazio si registra un aumento dei contagi da coronavirus: “Non bisogna indugiare perché dobbiamo aumentare il livello di copertura"

Non aspettare la scadenza del Green Pass, la terza dose può essere fatta già dopo sei mesi dalla seconda”: l’appello è dell’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato intervenuto ieri a margine della conferenza di presentazione della campagna di vaccinazione antinfluenzale 2021 nel Lazio.

“Non bisogna indugiare: chi ha i requisiti, cioè ha più di 60 anni e fatto la seconda dose da 180 giorni, deve fare la terza. Molti confondono la data di scadenza del Green Pass con il richiamo della terza dose del vaccino anti-Covid ma non è così. L'invito è non aspettare la scadenza del Green pass per fare la terza dose che può esser fatta dopo 180 giorni dalla seconda dose. Chi soffre di particolari patologie - ha poi aggiunto - deve farla 28 giorni. Non bisogna indugiare perché dobbiamo aumentare il livello di copertura”.

Un appello che arriva nei giorni in cui anche nel Lazio si sta registrando un progressivo aumento dei casi da coronavirus; nel bollettino di ieri erano quasi 600 con un rapporto tra positivi e tamponi dell’1,8%. “Assistiamo ad un lieve incremento di casi che era atteso perché sono più che raddoppiati i test in virtù del Green Pass e quindi sta emergendo tutto ciò che sarebbe stato sommerso, perché molti dei positivi sono asintomatici. Lo stesso Green Pass sta servendo per incentivare la vaccinazione e tirare in alto ciò che era sommerso in virtù di un aumento dei tamponi. Noi dobbiamo proseguire perché l'obiettivo è arrivare presto al 90%della popolazione over 12 che ha completato il ciclo vaccinale. Ce la possiamo e siamo molto vicini, ma serve un  ultimo sforzo”.

Come ha fatto sapere lo stesso D’Amato attraverso il bollettino di ieri, si sta predisponendo l’invio di 1,2 milioni di sms per ricordare le modalità di somministrazione della terza dose a tutti gli assistiti.

Poi c’è il tema delle persone che con la prima dose hanno ricevuto Johnson&Johnson. “Stiamo attendendo le indicazioni dal Ministero per le modalità di richiamo degli utenti che hanno ricevuto il vaccino J&J che sono oltre 270 mila”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini, D’Amato: “Non aspettate la scadenza del Green Pass. Terza dose già dopo sei mesi”

LatinaToday è in caricamento