Vaccino antinfluenzale obbligatorio per gli over 65: il Tar annulla l’ordinanza della Regione

Il provvedimento dell’aprile scorso rendeva obbligatoria la vaccinazione antinfluenzale per la popolazione al di sopra dei 65 anni. La decisione dei giudici amministrativi

Il Tar del Lazio ha annullato l’ordinanza dell’aprile scorso con cui la Regione Lazio aveva reso obbligatoria la vaccinazione antinfluenzale per la popolazione al di sopra dei 65 anni e per tutto il personale sanitario.

La notizia è delle scorse ore con il Tribunale amministrativo regionale che ha accolto il ricorso presentato dall'Associazione Codici regionale e del Lazio.

"La normativa emergenziale Covid non ammette simili interventi regionali in materia di vaccinazioni obbligatorie” si legge nella sentenza del Tar e "le disposizioni in materia di igiene e sanità nonché di protezione civile non recano previsioni che possano autorizzare le regioni ad adottare questo tipo di ordinanze allorché il fenomeno assuma, come nella specie, un rilievo di carattere nazionale".

Inoltre, rilevano i giudici amministrativi "l'’ordinamento costituzionale non tollera interventi regionali di questo genere, diretti nella sostanza ad alterare taluni difficili equilibri raggiunti dagli organi del potere centrale”. "In conclusione si deve affermare che, al di là della ragionevolezza della misura (peraltro comunque auspicata dal Cts nei verbali agli atti del giudizio depositati), la sua introduzione non rientra nella sfera di attribuzioni regionale ma, semmai, soltanto in quella statale”  spiega il Tar.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Per noi non cambia nulla, più che l’aspetto formale ci interessa quello sostanziale - ha commentato l’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato -. Dobbiamo lavorare perché ci sia la più ampia copertura vaccinale" contro l'influenza. "Sapevamo che l’ordinanza aveva degli elementi di difficoltà in quanto sono atti che competono allo Stato. Pensiamo sia utile che il Governo rifletta sull’obbligatorietà. Ci interessa in questa fase somministrare 2,4 mln di dosi di vaccino già ottenuto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: nel Lazio 1219 nuovi casi, numeri record in provincia. D’Amato: “Questi i giorni più difficili”

  • Incidente a Sabaudia sulla Migliara 53, scontro tra auto e furgone: muore un ragazzo, due feriti

  • Piazza del Popolo torna agli anni ’70: a Latina le riprese del film "L’Arminuta"

  • Coronavirus Latina, 126 nuovi casi. Sotto osservazione zone della movida e coprifuoco

  • Coronavirus, 1687 nuovi casi nel Lazio e 9 morti. E' massima allerta

  • Coronavirus: nel Lazio 1541 nuovi casi e 10 decessi. In provincia il secondo dato più alto di sempre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento