rotate-mobile
Attualità

Vaiolo delle scimmie, Fimmg: “Inviato alert ai medici di famiglia del Lazio”. Cosa sappiamo

Tre sono i casi nella regione e, come ha fatto sapere l’assessore D’Amato, 15 le persone in isolamento. Le indicazione da Fimmg circa le modalità di contagio, sintomi e prevenzione

Resta alta l’attenzione nel Lazio dopo i tre casi accertati di vaiolo delle scimmie, infezione riscontrata inizialmente in un giovane adulto di ritorno da un soggiorno alle isole Canarie e poi ad altri due uomini, tutti ricoverati presso l’istituto Spallanzani di Roma in buone condizioni cliniche. Nelle scorse ore è stato confermato un quarto caso in Italia, anche questo con un link di un viaggio alle Canarie, ed è stato preso in carico questa volta ad Arezze.

Per quanto riguarda ancora il Lazio, ha poi fatto sapere oggi l’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato, sono 15 le persone poste in isolamento; si tratta di contatti dei tre contagiati ai quali si è risaliti con il contact tracing.

Intanto da Fimmg Lazio fanno sapere che è stato inviato un alert a tutti i medici di famiglia della regione. “Una scheda, quella inviata, con le caratteristiche principali e delle foto raffiguranti le tipiche eruzioni cutanee, con esplicitate le modalità di contagio, sintomi e prevenzione. Il vaiolo delle scimmie - viene spiegato - è una patologia che decorre in 1-2 settimane con caratteristiche simili a quelle della varicella ed è importante fare una diagnosi differenziale. Dovrebbe essere sufficientemente protetto chi è stato vaccinato per vaiolo; fino al 1981 il vaccino era obbligatorio, perciò ricadono in una fascia di attenzione gli adulti dai quarant'anni in giù”.

“Questa malattia - proseguono da Fimmg - si contrae per contatto con le pustole infette, talvolta passa da uomo a uomo, e quasi sempre da animale a uomo, ma la presenza di casi senza link epidemiologico con l'Africa induce a pensare che oltre a possibili eventi di massa sorgenti di contagio sia anche sia aumentata la velocità di contagio interumana, prestando molta attenzione che non si sia verificato il cosiddetto salto di specie, di qui l’alert su eventuali ulteriori casi”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaiolo delle scimmie, Fimmg: “Inviato alert ai medici di famiglia del Lazio”. Cosa sappiamo

LatinaToday è in caricamento