Martedì, 23 Luglio 2024

VIDEO | Satnam Singh, parla il bracciante testimone: "Il datore di lavoro bestemmiava e diceva che era già morto"

Il bracciante, collega e amico di Satnam, racconta gli attimi seguenti al drammatico incidente dello scorso lunedì 17 giugno nell'azienda di Lovato

“Quando lavori sei bravo, quando invece succede una cosa del genere vieni buttato via così”. Tarnjit Singh ha 30 anni. E’ arrivato in Italia un anno e mezzo fa e da allora lavora nelle campagne dell’agro pontino.

Ed è propio nell’azienda di Antonello Lovato che incontra e conosce Satnam Singh e sua moglie: “Quel giorno stavamo lavorando insieme ma io ero più distante - racconta Tarnjit, presente alla manifestazione organizzata dalla comunità indiana del Lazio, con le adesioni di Fai Cisl e Uila Uil, a Latina oggi, martedì 25 giugno, a cui hanno partecipato circa 2mila persone -. Ho sentito le grida del datore di lavoro, che minacciava e bestemmiava, poi ho sentito quelle di Satnam e allora mi sono avvicinato. Ho visto subito che era senza un braccio e quando abbiamo chiesto di chiamare l’ambulanza ci ha semplicemente risposto che ‘era già morto e che le ambulanze non arrivano nelle campagne’. Sono andato a cercare una cassetta per mettergli il braccio dietro pensando che lo portasse in ospedale, ma quando sono tornato era già andato via col furgone su cui aveva caricato Satnam e la moglie”.

E’ ancora sotto choc, e dice di essere depresso per quello che ha visto. Da allora non lavora perchè i titolari delle zonale, visto quanto accaduto, non “fanno lavorare chi è senza documenti”. “Vorrei solo che la moglie ora si facesse forza e che Satnam possa tornare nel suo paese per potergli fare un funerale degno”.

Satnam Singh: manifestazione a Latina del 25 giugno 2024

Video popolari

LatinaToday è in caricamento