Sermoneta, Lauro Mercuri festeggia i suoi 100 anni con la fascia da sindaco

Compleanno speciale per nonno Mercuri, nato a Bassiano ma sempre vissuto a Sermoneta. A fargli gli auguri, oltre ai suoi figli ai nipoti e pronipoti, anche il primo cittadino Damiano che gli ha consegnato targa a nome dell'amministrazione

Sermoneta ha festeggiato lo scorso 18 dicembre i 100 anni di Lauro Mercuri, nello stesso giorno in cui Latina celebrava l’83esimo anniversario della sua fondazione. Quella Latina che Lauro Mercuri ha visto nascere e crescere.

E venerdì in casa Mercuri in via Romana Vecchia è arrivato anche il sindaco di Sermoneta Claudio Damiano, che ha fatto indossare a Lauro la fascia da primo cittadino, consegnandogli una targa a nome dell'amministrazione comunale. E Lauro, felice di questa visita, ha trattenuto a stento l'emozione. Col sindaco c'era anche il Parroco della Chiesa di San Tommaso D'Aquino Don Giovanni Correddu.

LAURO MERCURI - Lauro è nato a Bassiano il 18 dicembre 1915; andava a scuola a Quadrato, quella che poi diventerà prima Littoria e poi Latina. A 15 anni, nel novembre 1930, ha iniziato a lavorare con il Consorzio di Bonifica: Lauro è tra coloro che lavorò allo scavo del Canale Mussolini. Nel 1932 contrasse la malaria: dopo essere stato in pericolo di vita, si è ripreso ed ha proseguito il suo lavoro di bonifica delle paludi pontine. Ha visto spesso il Duce Benito Mussolini nell'“Agro redento”, quando veniva in occasione della mietitura del grano. Negli anni della leva, svolta presso il Reggimento che si occupava della sicurezza del Re, si è risparmiato la Guerra in Africa grazie all'intervento diretto di Vittorio Emanuele III. Ha combattuto in Sardegna durante la II Guerra Mondiale, affrontando i pesanti bombardamenti seguiti all'Armistizio del 1943.
Nel 1947 si è sposato con Lucia, scomparsa 3 mesi fa a 95 anni. Cinque i figli, tre maschi e due femmine (Ennio, Liviana, Aldesira, Antonio e Claudio). Un sesto, il secondogenito, morì in circostanze tragiche nel 1949 a due anni. La famiglia è poi cresciuta: oggi conta 11 nipoti e diversi pronipoti.
Negli ultimi anni di ha lavorato allo zuccherificio di Latina Scalo, a 58 anni si ammalò ai polmoni ed andò in pensione. Nel frattempo si è sempre occupato delle pompe che mandavano l'acqua a Sermoneta, che si trovano proprio vicino la sua casa in borgata Tufette. Specie d'estate, si alzava presto e diceva: “Devo dare da bere ai sermonetani”. Per gli anziani, Lauro è considerato “lo scienziato di Sermoneta”, perché per lui i sistemi idraulici del territorio non hanno misteri.
Ancora oggi è lucidissimo, ha qualche problema con la vista ma è autonomo, si muove solo in casa. Abita con l'ultimo figlio Claudio, ma in casa vorrebbe comandare ancora lui. Fino a 90 anni ha guidato il suo cingolato per lavorare nei campi: “Forse voleva più bene al trattore che alla moglie”, racconta Claudio.
Il segreto della longevità? È lo stesso Lauro a rivelarlo con una battuta: “Mi sono messo d'accordo con San Pietro, finché non mettono la pensione nell'aldilà, io non ci vado”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus Latina: la curva non scende, 244 nuovi casi in provincia. Altri 3 decessi

  • Coronavirus Latina: si impenna ancora la curva, 274 i nuovi casi. Altri 6 decessi

  • Coronavirus, racconto dal reparto dei pazienti gravi: "Covid contagiosissimo e pericoloso. L'età si abbassa"

  • Coronavirus, nuova impennata: 309 casi in provincia, quattro morti. In aumento i ricoveri

Torna su
LatinaToday è in caricamento