Aprilia, in viaggio con 4mila pezzi di artifici pirotecnici: denunciato

Fermato alla stazione ferroviaria del comune pontino un ragazzo di 25 anni nascondeva nello zaino un grosso quantitativo di materiale illegale destinati al mercato locale

Il materiale sequestrato

Circa 4mila artifici pirotecnici sono stati sequestrati dagli agenti della guardia di finanza di Aprilia. Lo scorso giovedì 22 dicembre gli uomini del comando pontino, durante il presidio presso la stazione ferroviaria, hanno fermato un cittadino extracomunitario che trasportava il materiale pronto per essere venduto nel mercato locale.

Il servizio si inserisce all’interno di un programma di intensificazione di controlli di prevenzione e contrasto all’illecita detenzione ed abusiva commercializzazione di artifizi pirotecnici predisposti con l’avvicinarsi dell’ultimo dell’anno

Una pattuglia delle fiamme gialle giovedì scorso stava monitorando lo scalo ferroviario di Aprilia con un particolare occhio di riguardo per i passeggeri che provenivano da Roma, Nettuno e Napoli.

All’improvviso l’attenzione degli agenti è stata colpita dal particolare atteggiamento di un cittadino extracomunitario che, sceso dal treno proveniente da Napoli con un grosso zaino sulle spalle, si muoveva con fare guardingo all’interno della stazione. Insospettiti dal comportamento e dal bagaglio di enormi dimensioni hanno deciso di controllarlo.

L’intuizione dei militari ha subito trovato le sue conferme. All’interno del borsone l’uomo, un cittadino di nazionalità marocchina di 25 anni, nascondeva numerosissimi giochi pirici illegali, circa 3800, pronti ad essere commercializzati sul territorio locale e ad essere utilizzati in occasione del capodanno

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per il giovane è partita subito la denuncia a piede libero per detenzione e commercio abusivo di materiale esplodente in violazione degli articoli 678 del codice penale e 47 del Testo Unico sulle Leggi di Pubblica Sicurezza, nonché il sequestro di tutto il materiale rinvenuto.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco la prima mascherina senza elastici: l’idea di un giovane di Priverno

  • Aperte anche le spiagge libere, ecco le regole: bagno fino alle 19 e distanze di sicurezza

  • Coronavirus: nel Lazio 21 nuovi casi, in provincia 544 contagi totali

  • Coronavirus: nuovi contagi distribuiti nei comuni di Latina, Maenza, Priverno e Cisterna

  • Stagione balneare al via, si torna al mare anche a Sabaudia: tutte le regole e i divieti

  • Coronavirus: nel Lazio solo 12 nuovi contagi, in provincia le vittime salgono a 35

Torna su
LatinaToday è in caricamento