L'appello dell'Aasi: "Creazione 'box di ripristino' nei pronto soccorso per le ambulanze"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LatinaToday

"L’associazione autisti soccorritori italiani ( AASI ); ha l’obiettivo di promuovere la professionalità di questa categoria attraverso la formazione ed il riconoscimento giuridico della figura professionale di autista soccorritore a vantaggio della sicurezza e della qualità dei servizi offerti ai cittadini- utenti.

Dai vari articoli giornalistici e dai nostri contatti locali, ci segnalano il frequente blocco delle ambulanze del servizio urgenza emergenza nei vari pronto soccorsi della regione per carenza di barelle e attrezzature, quindi il paziente rimane sulla barella dell'ambulanza fino a quando, non si reperisce altra attrezzatura, proponiamo la creazione di box di ripristino ( barelle spinali, steccobende, collari cervicali, ecc ) presso i vari Dea del territorio di competenza, così da rendere interscambiabili tali attrezzature tra ambulanze e pronto soccorso per permettere le operazioni di sbarellamento del paziente e rendere l’ambulanza nuovamente operativa per i bisogni del territorio, così evitando il blocco per ore di ambulanze nei vari pronto soccorso.

Ci appelliamo all'assessore regionale alla salute, ai direttori generali delle aziende ospedaliere, ai direttori delle centrali operative del 118, per rendere immediatamente operativi i box di ripristino, tutto ciò a tutela di operatori e pazienti A.A.S.I".

Dottor Stefano Casabianca

Torna su
LatinaToday è in caricamento