rotate-mobile
Cronaca

Accorpamento tra Liceo Classico e Vittorio Veneto: contraria anche la Regione

Nota della Direzione regionale alla Provincia in cui si rilevano "criticità pregiudiziali all’accoglimento della proposta”. Ipotesi di fusione tra l’istituto tecnico commerciale con Einaudi Mattei o con Galilei Sani

La Regione Lazio si è detta contraria all’ipotesi di accorpamento a Latina tra il Liceo Classico Dante Alighieri e l’istituto tecnico-commerciale Vittorio Veneto. Una nota è stata inviata dalla Direzione regionale Formazione, Ricerca e Innovazione, Scuola, Università e Diritto allo studio alla Provincia di Latina che lo scorso 30 novembre in Consiglio ha approvato il piano di dimensionamento scolastico che prevede la fusione fra le due scuole e la formazione di un Istituto di Istruzione Superiore. 

L'intervento del vicepresidente della Regione Massimiliano Smeriglio

Nella nota viene spiegato che sono state rilevate "criticità pregiudiziali all’accoglimento di tale proposta nel piano regionale”. L’accorpamento, viene spiegato ancora, “è contrario alle linee guida regionali" in quanto "creerebbe un istituto scolastico superiore con indirizzi fortemente disomogenei per la diversa natura delle due istituzioni scolastiche". Inoltre, viene sottilineata anche “la mancata acquisizione dei pareri favorevoli degli organi collegiali dei due istituti".

Nella stessa nota la Direzione regionale prende anche in considerazione la questione del sottodimensionamento del Vittorio Veneto Salvemini “che continua ad avere da diversi anni un trend negativo di iscrizioni”, tenuto contro che l’Ufficio scolastico regionale per il Lazio "si è pronunciato in maniera inequivocabile sulla necessità di risolvere il problema”. Per questo alla Provincia viene chiesto di "verificare la possibilità di un diverso accorpamento in coerenza con le indicazioni delle linee guida regionali” con uno fra gli istituti Einaudi Mattei, per un totale 1.312 alunni, e Galilei Sani, per un totale di 1.233.

Assessore Proietti: "Decisione giusta" - Il video 

Soddisfatto il consigliere Forte

“L'accorpamento tra il Liceo Classico di Latina e il Vittorio Veneto non si farà” commenta il consigliere regionale del Pd Enrico Forte. Per Forte vengono “giustamente” accolte “le instanze di studenti, famiglie e personale delle scuole. Una scelta che salva l’efficienza degli istituti e rispetta la tradizione di due importantissime realtà scolastiche del nostro territorio”. Lo stesso consigliere pontino del Partito Democratico in merito all’ipotesi di accorpamento tra il Liceo Classico e il Vittorio Veneto aveva presentato un’interrogazione in Regione. 

“No all’accorpamento”: il sit in degli studenti 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accorpamento tra Liceo Classico e Vittorio Veneto: contraria anche la Regione

LatinaToday è in caricamento