Carenza idrica nel sud pontino, sindaco di Gaeta: “Urgono nuove soluzioni”

L’intervento del primo cittadino Mitrano da giorni in contatto con Acqualatina per far fronte ai disservizi dell’ultimo periodo: “Urgono nuove soluzioni che la Conferenza dei Sindaci del 7 settembre dovrà individuare dando risposte concrete e risolutive”

Interviene il sindaco di Gaeta, Cosmo Mitrano, dopo i disagi che negli ultimi giorni si sono registrati nel sud pontino a causa di una carenza idrica che ha portato diversi disservizi. 

“Ritenendo mio dovere assoluto tutelare i cittadini sui disservizi che si verificano sul territorio - commenta il primo cittadino -, da una decina di giorni sono in contatto con i vertici di Aqualatina per chiedere di organizzare un incontro fra sindaci e per attuare una razionalizzazione più mirata del flusso idrico destinato a Gaeta, dando anche maggiori informazioni alla popolazione in questa fase di emergenza idrica”. 

“Rispetto agli altri Comuni del sud pontino che subiscono analoghi fenomeni di bassa pressione a causa della limitata disponibilità della risorsa idrica - prosegue Mitrano -, la città di Gaeta deve far fronte sia alle esigenze dei residenti che a quelle dei numerosissimi turisti che hanno scelto di trascorrervi le proprie vacanze, con un aumento del fabbisogno tipico della stagione estiva”. 

Da qui la necessità, sostiene il sindaco di Gaeta, “di aumentare la quantità del flusso idrico verso la sua città e di farlo in maniera più oculata, diversificando cioè anche le zone dove si manifesta il fenomeno della riduzione della pressione ed informando i cittadini sulle fasce orarie in cui si manifesta il disagio dell’interruzione". 

Al riguardo, fanno sapere dal Comune di Gaeta con una nota -, il primo cittadino ha ringraziato “il dirigente Pianificazione e controllo dell'Ente d'Ambito Territoriale Ottimale (ATO) n. 4 di Latina, ing. Angelica Vagnozzi, per aver accolto il suo ‘grido di dolore’ ed il suo invito a convocare la riunione che si terrà il 7 settembre nella sede distaccata della Provincia di Latina dove sarà esaminata l'emergenza idrica nei Comuni del Sud Pontino.

Gli effetti della siccità degli ultimi anni - prosegue la nota - impongono nuovi criteri per massimizzare l’efficienza dell’uso delle poche risorse idriche disponibili. Pertanto, laddove il fenomeno della siccità nei territori del Sud Pontino dovesse persistere con conseguente disponibilità limitata della risorsa idrica presso le centrali di produzione di Mazzoccolo e Capodacqua, il sindaco Mitrano ritiene necessario che sia individuata una soluzione alternativa per evitare di esporre la popolazione locale a seri rischi di carattere igienico-sanitario”. 

Il sindaco Mitrano sostiene dunque “che urgono nuove soluzioni che la Conferenza dei Sindaci del 7 settembre dovrà individuare dando risposte concrete e risolutive, finalizzate ad evitare i disagi ai cittadini e assicurando sempre e comunque la reperibilità della risorsa idrica”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus Latina: la curva non scende, 244 nuovi casi in provincia. Altri 3 decessi

  • Coronavirus Latina: si impenna ancora la curva, 274 i nuovi casi. Altri 6 decessi

  • Coronavirus, racconto dal reparto dei pazienti gravi: "Covid contagiosissimo e pericoloso. L'età si abbassa"

  • Coronavirus Latina: la curva dei contagi non si piega, altri 257 in provincia. Tre i decessi

Torna su
LatinaToday è in caricamento