Acqualatina: si chiude la tre giorni di lavoro sul progetto europeo per la sicurezza

Contributo della società al progetto System. Presidente Lauriola: “L’iniziativa mira a contrastare le potenziali azioni illegali”

Il presidente di Acqualatina Lauriola

Si è conclusa ieri, mercoledì 2 ottobre, la tre giorni di lavoro sul progetto europeo “System” che ha visto tra i protagonisti Acqualatina che rafforza così il suo impegno nella tutela della legalità e nell’utilizzo dell’innovazione tecnologica per il bene collettivo. Una tre giorni organizzata a Latina per lavorare con esperti di livello internazionale e alla quale Acqualatina ha fornito il proprio contributo tecnico, così come già fatto anche negli incontri tenutisi a Roma, Monaco e Bratislava.

Il progetto è finanziato dall’Unione Europea con l’intento di sviluppare e testare un sistema di rilevamento in grado di individuare sostanze pericolose, grazie al supporto di 22 partner e oltre 10 stakeholders provenienti da Belgio, Germania, Italia, Polonia, Regno Unito, Slovacchia e Svezia.

“Ringrazio tutti per l’impegno profuso in questo importante e innovativo progetto. Come Acqualatina - ha detto il presidente Michele Lauriola - riteniamo che le azioni illegali promosse nei confronti del territorio, dell’ambiente e del sociale vadano fermate, e vada ripristinato il diritto di tutti gli esseri umani di vivere in un territorio sano e nel rispetto dell’ambiente.»

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Forte dell’ampia esperienza nel comparto sicurezza della Presidenza del Consiglio dei Ministri e nel contrasto alla criminalità organizzata, il presidente Lauriola ha poi sottolineato i punti fondamentali del progetto. “Trovo di estremo interesse l’iniziativa che permette di superare i limiti degli attuali controlli, di valutare in tempo reale una possibile aggressione, di ottenere una precisa definizione dell’area di provenienza della minaccia e, soprattutto, di avere una cabina di regia per dirigere la necessaria reazione. Noi, come Gestore di un servizio pubblico tanto essenziale e delicato, siamo a piena disposizione, per fornire il nostro sostegno tecnico e supportare i lavori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa di nozze con 80 invitati, arrivano i carabinieri: tutti multati

  • Coronavirus, allerta arancione nel Lazio: 795 casi. D'Amato: "Si teme un peggioramento"

  • Coronavirus: nel Lazio 1219 nuovi casi, numeri record in provincia. D’Amato: “Questi i giorni più difficili”

  • Coronavirus, contagi inarrestabili. Nel Lazio quasi 600 nuovi casi, in provincia 47 in più

  • Piazza del Popolo torna agli anni ’70: a Latina le riprese del film "L’Arminuta"

  • Coronavirus, l'ondata non si ferma: 64 nuovi contagi, 21 sono a Latina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento