Aggrediti due agenti della polizia locale, la denuncia della Cisl Fp

L'episodio è avvenuto ad Aprilia nei giorni scorsi. I due dipendenti sono stati medicati al pronto soccorso, per l'aggressione di un automobilista che era stato redarguito per la sua guida pericolosa

Una nuova aggressione a due agenti della polizia locale. E’ accaduto nei giorni scorsi ad Aprilia, dove due dipendenti della polizia municipale sono stati aggrediti e minacciati per aver redarguito un conducente a causa della sua guida pericolosa. I due sono stati medicati al pronto soccorso, con una prognosi di cinque giorni ciascuno. La stessa sorte era accaduta ad una collega lo scorso anno, aggredita da una donna solo per averle chiesto di spostare la sua auto che intralciava il traffico davanti a una scuola. La denuncia del nuovo caso arriva dal segretario generale della Cisl Fp Enza Del Gaudio.

“Purtroppo – spiega - continuano le aggressioni nei confronti dei lavoratori pubblici e soprattutto della polizia locale, colpevoli solo di fare il loro lavoro per far rispettare le regole del vivere civile e della legalità. E’ ora che le amministrazioni mettano a disposizione degli agenti tutti gli strumenti di auto difesa previsti dalla Legge Regionale e dal relativo regolamento di attuazione per la polizia locale, entrato in vigore già da febbraio 2017. Abbiamo già richiesto da tempo all’amministrazione di procedere ad adeguare l’attuale regolamento della polizia locale di Aprilia, ma soprattutto sono necessari adeguati investimenti per accrescere la sicurezza dei cittadini nella città apriliana, partendo dalla sicurezza e dall’incolumità dei propri dipendenti. Auspichiamo che episodi di questo tipo non avvengano più, ed esprimo a nome mio e della Cisl Fp di Latina la solidarietà ai due colleghi colpevoli solo di aver adempiuto al loro dovere. Chiediamo al sindaco di Aprilia di costituirsi parte civile nel giudizio a carico dell’aggressore. L'auspicio maggiore è che la Procura della Repubblica adotti seri provvedimenti nei confronti di chi si renda responsabile di queste vili azioni, ma soprattutto che le pene inflitte siano certe e che non vi siano né pene attenuate né tanto meno misure alternative alla detenzione, perché chi commette reati nei confronti dei lavoratori pubblici li commette contro lo Stato”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Pontina: investito da un tir, muore un uomo di 43 anni

  • Coronavirus Latina: altri 5 decessi in provincia, 139 i nuovi casi positivi

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus Latina: sono 169 i nuovi casi positivi in provincia. Altri tre decessi

  • Tamponi in farmacia, dove farli a Latina e provincia. L'elenco completo e gli indirizzi

  • Coronavirus Latina: nuovi casi ancora sopra i 200 in provincia. Altri 6 decessi

Torna su
LatinaToday è in caricamento