Cronaca

Riduce in fin di vita un uomo a calci e pugni, in manette a Latina

Il giovane di 26 anni aveva aggredito a Sassari un cittadino cubano per poi rubargli il portafoglio e altri oggetti. Fuggito nel capoluogo pontino è stato arrestato dalla mobile

Era considerato l’autore di una brutale aggressione a scopo di rapina commessa due mesi fa a Sassari e lui, per sfuggire alla cattura, aveva cercato riparo a Latina prima di lasciare definitivamente l’Italia.

Nella serata di ieri, a conclusione di una mirata attività investigativa condotta in collaborazione con la Squadra Mobile sarda, gli uomini della mobile del capoluogo pontino hanno tratto in arresto un giovane di 26 anni di nazionalità romena, rintracciato presso alcuni connazionali pronto per prendere un volo per Copenaghen.

I fatti erano accaduti lo scorso 3 marzo quando M. C. M., ricercato dalla Procura della Repubblica di Sassari, in una via del centro della città sarda aveva ripetutamente colpito a calci e pugni, riducendolo in fin di vita, un cittadino di nazionalità cubana a cui poi aveva rubato il portafogli e altri oggetti personali.

Immediatamente il 26enne aveva fatto perdere le sue tracce, trovando poi ospitalità presso alcuni connazionali nel capoluogo pontino che gli avevano anche procurato un biglietto aereo per lasciare l’Italia.

Fino a quando, proprio poco prima della sua partenza per Copenaghen e ancora con il biglietto in mano, il violento aggressore è stato arrestato dalla polizia di Latina in esecuzione di un ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del tribunale di Sassari per i reati di rapina aggravata e lesioni gravi.

Al termine delle formalità di rito il cittadino rumeno è stato tradotto presso il carcere di Latina a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riduce in fin di vita un uomo a calci e pugni, in manette a Latina

LatinaToday è in caricamento