rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
La riflessione / Formia

Agguato a Gustavo Bardellino, il pm antimafia Sirignano: “Fatto grave. E’ rottura con il passato”

Le parole dell’ex pm della Dda di Napoli e per anni autore di indagini di caratura sul sud pontino dopo gli spari a Formia e il ferimento del nipote del boss dei Casalesi

“Troppo presto per fare ipotesi ed evocare conflitti, tuttavia l’episodio rappresenta di per sé un fatto oltre che grave per le modalità, anche sintomatico di una rottura con il passato, in cui solo in casi davvero eccezionali vengono colpiti parenti o congiunti di elementi di vertice di una organizzazione mafiosa o legati alla sua storia come nel caso dei Bardellino”: a parlare è Cesare Sirignano, ex pm della Dda di Napoli e per anni autore di indagini di caratura sul sud pontino che si è lasciato andare ad una riflessione dopo l’agguato a colpi di pistola a Gustavo Bardellino, nipote del fondatore del clan dei Casalesi, che si è consumato nella serata di ieri a Formia.

Bardellino, 42 anni, era nell’autosalone in cui lavora quando intorno alle 19 è stato raggiunto da un colpo di postola al torace ed è ora ricoverato in ospedale; le indagini sono in corso da parte dei carabinieri di Formia e mirano a fare luce sul movente e ad individuare chi ha fatto fuoco in via Ponteritto.

"Occorre attendere l’esito delle indagini - aggiunge il magistrato - per comprendere cosa sia realmente accaduto e se questo episodio costituisca o meno un sintomo di una malattia più grave che non tarderà a manifestarsi".

Sirignano, che vive sotto scorta da anni proprio perché oggetto di minacce di morte da parte del clan dei Casalesi, ha messo a segno indagini nel basso Lazio che hanno portato a smantellare organizzazioni criminali dedite al riciclaggio, al traffico di droga, all'estorsione. Una delle più importanti è stata 'Sud Pontino' che ha visto finire in carcere i componenti di una famiglia calabrese ma radicata a Fondi che ha monopolizzato il Mercato Ortofrutticolo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agguato a Gustavo Bardellino, il pm antimafia Sirignano: “Fatto grave. E’ rottura con il passato”

LatinaToday è in caricamento