Aliscafo in panne con 81 passeggeri a bordo, le indagini della Guardia Costiera

In corso l'inchiesta per fare chiarezza su quanto accaduto nella serata di venerdì quando l'aliscafo della linea Ponza-Terracina è rimasto bloccato in mare. Dai primi accertamenti emerso un guasto ai livellostati; il mezzo potrebbe essere rimasto a secco di carburante

Va avanti a ritmo serrato l’inchiesta della Capitaneria di Porto per fare chiarezza su quanto accaduto nella serata di venerdì 12 maggio quando l’aliscafo di linea Salerno Jet, con 81 passeggeri provenienti da Ponza e diretti a Terracina, è rimasto bloccato in mare a 13 miglia dal porto di destinazione

Si punta dunque ad arrivare in tempi brevi alla completa ricostruzione delle cause con le indagini che sono state avviate subito dopo l’arrivo dell’aliscafo a Terracina. 

In seguito all'ispezione condotta dal personale specializzato F.S.C. (Flag State Control) della Guardia Costiera di Gaeta, si delineano le prime ipotesi valide. “Inizialmente - spiega la Capitaneria di Porto di Gaeta - si è ritenuto che l'avaria fosse ascrivibile ad una improvvisa interruzione del flusso di carburante ai motori della nave, forse dovuta ad un intasamento dei filtri. Tuttavia da controlli più approfonditi emergerebbe un guasto ai livellostati, cioè ad elementi meccanici situati all'interno dei serbatoi che forniscono i dati relativi al quantitativo di carburante disponibile, analogamente a quanto avviene nelle comuni autovetture. 

Tale ipotesi, se confermata, parrebbe particolarmente grave, atteso che un indicatore di livello carburante che rimanga immutato durante la navigazione dovrebbe immediatamente richiamare l'attenzione del personale di bordo addetto”.

Ulteriori approfondimenti stanno interessando l’intero sistema di gestione nave al fine di verificare l’operato del bordo nei confronti dei passeggeri, vale a dire se, come ogni qualvolta in questi tipi di emergenza, siano state fornite le corrette informazioni e l'assistenza necessaria. Dalle prime dichiarazioni raccolte in porto nell'immediatezza dei fatti, sarebbero, prosegue la Capitaneria di Porto, emerse "lamentele nei confronti dell'equipaggio da parte dei passeggeri, che non sarebbero stati adeguatamente informati sull'emergenza in atto".

Accertamenti sono ancora in corso e il completamento dell’inchiesta, atteso nei prossimi giorni, consentirà una definitiva ricostruzione dei fatti e delle relative cause. 

LE SCUSE DELLA NLG

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Pontina: investito da un tir, muore un uomo di 43 anni

  • Coronavirus Latina: altri 5 decessi in provincia, 139 i nuovi casi positivi

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus Latina: sono 169 i nuovi casi positivi in provincia. Altri tre decessi

  • Tamponi in farmacia, dove farli a Latina e provincia. L'elenco completo e gli indirizzi

  • Coronavirus Latina: nuovi casi ancora sopra i 200 in provincia. Altri 6 decessi

Torna su
LatinaToday è in caricamento