Allarme siccità per il Lago di Ninfa, fissata per il 1° dicembre la riunione in Regione

A lanciare l’allarme per la situazione del lago di Ninfa, ormai ai minimi storici dopo una stagione caratterizzata da una pesante siccità, era stata la Fondazione Caetani

E’ stato fissato per il 1° dicembre l’incontro in Riogione per affrontare la questione del Lago di Ninfa che, ad oggi, ha subìto un forte e preoccupante abbassamento del livello medio ordinario. 

A lanciare l’allarme nei giorni scorsi era stato il presidente della Fondazione Caetani, Pier Giacomo Sottoriva accendendo i riflettori sulla situazione del Lago ormai ai minimi storici dopo una stagione caratterizzata da una pesante siccità. A breve era giunta la risposta della Regione che ava annunciato l’intenzione di convocare a stretto giro di tempo una riunione a Roma. 

Incontro che ora è stato fissato per le 11 del 1° dicembre. 

Accogliendo la preoccupazione espressa dalla Fondazione Caetani, che ha denunciato la sofferenza idrica del bacino di Ninfa - scrive l’Ente -, la Regione Lazio ha oggi inviato la lettera di convocazione per un incontro da tenersi presso l’Assessorato Infrastrutture, Politiche abitative ed Enti locali”. Con la Fondazione Caetani, sono stati invitati al tavolo: Ato4 Latina, Acqualatina, Consorzio di bonifica dell’Agro Pontino, oltre alle due Direzioni regionali, Risorse Idriche Difesa del Suolo e Capitale Naturale, Parchi e Aree Protette. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: altri 5 decessi in provincia, 139 i nuovi casi positivi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus, nuova impennata: 309 casi in provincia, quattro morti. In aumento i ricoveri

  • Coronavirus Latina: la curva dei contagi non si piega, altri 257 in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus, contagi in risalita: 180 casi e ancora quattro decessi in provincia

Torna su
LatinaToday è in caricamento