Cisterna, un ambulatorio medico gratuito per gli indigenti. Operativo da settembre

Il nuovo servizio solidale nato dalla collaborazione tra Croce Rossa Italiana e il Comune di Cisterna. Il progetto illustrato nel corso di una conferenza stampa

Dal 15 settembre prossimo a Cisterna sarà operativo l’ambulatorio medico gratuito per gli indigenti e sportello d'ascolto per l’orientamento per i servizi sociali e per le dipendenze.

Il progetto per il nuovo servizio solidale nato dalla collaborazione tra Croce Rossa Italiana e il Comune di Cisterna è stato presentato nel corso di una conferenza stampa; sono intervenuti l’assessore al Welfare Pierluigi Ianiri, il presidente del Comitato di Latina della Croce Rossa Italiana Giancarlo Rufo, il delegato territoriale Lina Merolla, la volontaria Debora Foschi mentre tra il pubblico erano presenti numerosi esponenti del settore sanitario e dell’associazionismo.

Il nuovo servizio, in realtà ne comprende due distinti ma funzionali tra loro. 

“Il primo è l’ambulatorio medico gratuito che offrirà, agli indigenti e a coloro che non hanno accesso al Sistema Sanitario Nazionale, la possibilità di sottoporsi a cure sanitarie e specialistiche nonché la fornitura di farmaci per una loro salvaguardia igienico sanitaria e indirettamente per quella di tutta la popolazione. Il secondo servizio, invece, consiste nel centro d'ascolto che offrirà l’opportunità di un sostegno sociale per le persone affette da dipendenze comportamentali e da sostanza, indirizzerà ad enti e associazioni preposte o all’occorrenza all’ambulatorio medico collegato, monitorerà i bisogni e i disagi sociali nel territorio”.

Entrami i servizi saranno curati dalla Croce Rossa Italiana e saranno attivi presso la sede dell’associazione sita nel quartiere San Valentino, in via Aldo Moro n.41 con accesso da via Poli.

“L’ambulatorio medico gratuito per indigenti e il centro di ascolto - ha detto l’assessore al Welfare Pierluigi Ianiri – rientrano nell’ambito dei punti previsti nel nostro programma elettorale per l’assistenza socio-sanitaria realizzati attraverso la rete di collaborazione con il Terzo settore che abbiamo e stiamo tessendo per una maggiore concretezza e partecipazione delle iniziative. Il progetto che stiamo attuando con la Croce Rossa è un bell’esempio di collaborazione tra enti dove a fronte della messa a disposizione della sede associativa e di un contenuto sostegno, l’associazione offrirà alla nostra comunità un servizio utile, solidale e gratuito. Ringrazio quindi i volontari per il prezioso apporto che danno e ringrazio anche il vicequestore Lucia Dipierro la cui presenza dimostra l’attenzione delle Forze dell’ordine verso la nostra comunità”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Pontina: investito da un tir, muore un uomo di 43 anni

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus Latina: sono 169 i nuovi casi positivi in provincia. Altri tre decessi

  • Coronavirus Latina: nuovi casi ancora sopra i 200 in provincia. Altri 6 decessi

  • Morto dopo un inseguimento, la guardia giurata condannata a nove anni per omicidio

  • Coronavirus, altri 209 contagi e tre morti in provincia. Boom di casi a Terracina

Torna su
LatinaToday è in caricamento