Cronaca

Ampliamenti abusivi, resort di lusso sotto inchiesta. Arrivano i sigilli

Nel mirino dei carabinieri del Nucleo investigativo l'Hotel Ganimede di Sperlonga, finito nell'indagine dei militari nel 2015 e gestito da una società che Armando Cusani detiene per il 50% e di cui è amministratore il vicesindaco

Fonte foto: Hotelganimede.it

Un resort del valore di tre milioni di euro. Un altro albergo di Sperlonga, quattro stelle, a due passi dal mare, finito in un’indagine iniziata nel 2015 dal Nucleo investigativo dei carabinieri. La struttura è finita ora sotto sequestro, in ottemperanza a un decreto emesso due giorni fa dal Gip del tribunale di Latina.

Si tratta dell’albergo Ganimede, in via Ulisse 275, attualmente gestito dalla società Resorts & Hotels Sperlonga srl. Una società di cui Armando Cusani, sindaco di Sperlonga, già finito agli arresti nell'inchiesta Tiberio legata all'Hotel Grotte di Tiberio, detiene per il 50%. E di cui amministratore è il vicesindaco Faiola.

Secondo quanto accertato dai carabinieri, tra il 2008 e il 2014, all’interno della struttura sono stati realizzati numerosi interventi che ne hanno complessivamente ampliato la volumetria, in contrasto con le previsioni del piano regolatore generale del Comune di Sperlonga.

L’hotel è stato dunque sequestrato e affidato in custodia giudiziaria senza facoltà d’uso all’amministratore unico della società. Verrà quindi sgomberato entro il termine di qualche giorno. Nove risultano essere le persone indagate. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ampliamenti abusivi, resort di lusso sotto inchiesta. Arrivano i sigilli

LatinaToday è in caricamento