rotate-mobile
Cronaca Castelforte

Esodo cisternese, sei giorni di eventi per commemorare il 19 marzo 1944

Si concentreranno tra il 18 e il 23 marzo le celebrazioni per il 70esimo anniversario dell'Esodo Cisternese e della Battaglia di Isolabella, ma anche per il "Premio Cisterna" nell'ambito della Settimana della Memoria

Inizieranno domani 18 marzo per concludersi domenica 23 marzo gli appuntamenti che rientrano nell’ambito della Settimana della Memoria cisternese e in cui sono previsti anche gli eventi per la celebrazione del 70esimo anniversario dell’Esodo Cisternese e del Premio Cisterna.

La presentazione delle manifestazioni si è tenuta nei giorni scorsi presso il palazzo comunale.  L'incontro si è aperto con l’esposizione della presidente della Commissione “Premio Cisterna”, Patrizia Pochesci, che ha ben spiegato gli aspetti più importanti della tredicesima edizione dell’atteso evento cittadino.

Come ogni anno la cerimonia di premiazione si terrà il 19 marzo alle 17:00 in sala consiliare. Persone, associazioni ed attività note e meno note in città, comunque tutte straordinariamente cisternesi, saranno investite di un riconoscimento simbolico eppure molto sentito in città. I premiati di quest’anno saranno: l’Associazione “Aquilonisti Alta Quota”, lo speaker radiofonico Giuseppe (Pino) Russo, il fotoreporter Fabio Pirazzi, l’imprenditore Elio Ianiri, il giornalista Mauro De Bonis, il Presidio Libera di Cisterna, il musicista Roberto (Roby) Matano, la Cisterna Park, l’ingegnere Stefano Clemenzi, l’odontoiatra Angelo Perpetuini ed il Centro residenziale per minori “La Pergola”.

"Nel ringraziare il sindaco ed il delegato alla Cultura – ha detto Patrizia Pochesci - voglio dire che anche quest'anno la commissione ha lavorato in perfetta sintonia. Nessuno di noi ha posto problematiche rispetto alle nomination pervenute dall'esterno. Undici premi, quest'anno, di connotazione sociale. Grande spazio, infatti, è stato dato a cooperative ed associazioni".

Attenzione poi alle celebrazioni per il 70esimo anniversario dell’Esodo cisternese e della celebre Battaglia di Isolabella. Da martedì e fino a domenica 23 marzo, in città si susseguiranno cerimonie e commemorazioni alle quali parteciperanno autorità nazionali ed internazionali, associazioni combattentistiche e familiari delle vittime degli eventi bellici avvenuti sul territorio cisternese nel 1944. Un programma fitto di appuntamenti che prevede, tra l’altro, mostre d’epoca, raduni, visite guidate e videoproiezioni.

“La prossima sarà una settimana molto importante per la nostra città – ha spiegato Merolla -. Una settimana all’insegna della memoria, dei valori cittadini, dell’onore e della gratitudine. La giornata clou sarà quella del 19 marzo, il giorno in cui i cisternesi furono costretti ad un esodo che è rimasto impresso nella memoria e nell’immaginario della nostra gente. Quest'anno ricorre il settantesimo anniversario dei quei tragici momenti di storia e questa amministrazione comunale ha inteso organizzare una serie di incontri e di eventi proprio in ricordo di quanto accaduto. L’intento è quello di rendere onore a chi ha subito l’Esodo ma, soprattutto, fare in modo che i nostri giovani possano ascoltare direttamente da chi ha vissuto il dramma delle guerra, gli orrori che essa comporta. Tutto questo – ha concluso il Sindaco - affinché si possa tramandare alle generazioni future il valore assoluto della Pace”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esodo cisternese, sei giorni di eventi per commemorare il 19 marzo 1944

LatinaToday è in caricamento