Venerdì, 15 Ottobre 2021
Cronaca

Ajmone Finestra, il ricordo ad un anno dalla sua scomparsa

Sindaco del capoluogo dal 1993 al 2012 si è spento il 26 aprile del 2012; nell'anniversario della sua scomparsa Latina e il primo cittadino Di Giorgi lo ricordano

Sindaco di Latina per dieci anni, Ajmone Finestra si è spento esattamente un anno fa, il 26 aprile del 2012 lasciando un vuoto non solo nella vita politica del capoluogo pontino ma anche in tutta la città.

Un personaggio importante per la storia di Latina che ha amministrato dal 1993 al 2002 e che la città non ha mai dimenticato. Oggi pomeriggio alle 18 presso la Cattedrale San Marco verrà celebrata una messa in suo onore.

E oggi, ad un anno esatto dalla sua scomparsa, è il primo cittadino di Latina, Giovanni Di Giorgi, a voler ricordare Ajmone Finestra.

A un anno dalla scomparsa di Ajmone Finestra, che ci privato di uno dei più importanti protagonisti e testimoni della storia e dello sviluppo di Latina, restano vivi la commozione e soprattutto il ricordo dell’uomo appassionato e schietto, oltre che del politico innamorato della sua città.
Come quel 26 aprile di un anno fa, le emozioni si mescolano ai ricordi e ciò che mi sento di esprimere è soprattutto la personale riconoscenza per un uomo il cui impegno al servizio delle istituzioni ha sempre avuto come unico obiettivo l’interesse comune, il bene della città.
Da uomo al servizio delle istituzioni ma soprattutto da uomo libero, Ajmone Finestra si era posto al servizio del bene comune da parlamentare della Repubblica, da consigliere regionale, provinciale e comunale e infine da sindaco di Latina. Negli anni difficili del dopo tangentopoli aveva saputo guidare la città con prospettive di rilancio e crescita, contribuendo in maniera decisiva a quel percorso di valorizzazione dell’immagine di Latina e recupero del senso di identità che oggi ci rende ancor più orgogliosi di essere cittadini della nostra Latina.
Con quell’anima di combattente, che sempre lo aveva contraddistinto fin dagli anni della gioventù, e con uno spirito autenticamente riformista, Ajmone ci ha insegnato tanto, dimostrando che con la passione e la tenacia si può davvero servire al meglio le istituzioni e il nostro Paese. Di quella sua lezione ci resta molto, così come rimangono le impronte dei suoi programmi per la città e del suo saper guardare oltre con lungimiranza: l’avvio e lo sviluppo dell’università a Latina rappresentano il più grande esempio di questo suo impegno.
E’ sotto la guida di Ajmone Finestra che si è formato anche il mio personale impegno politico e amministrativo, che connotano ancor più i miei ricordi di affetto e riconoscenza.
Intendo rinnovare alla famiglia di Ajmone Finestra, in particolare alla signora Maria Pia e ai figli Paolo e Carlo, sentimenti di sincero affetto a nome dell’amministrazione comunale e dell’intera città di Latina
”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ajmone Finestra, il ricordo ad un anno dalla sua scomparsa

LatinaToday è in caricamento