Martedì, 28 Settembre 2021
Cronaca

Aggressione omofoba sul litorale: "Mi hanno picchiato perché gay"

La polizia è riuscita a identificare e denunciare l'aggressore, un romano di 23 anni

E' stato colpito al volto con un pugno mentre passeggiava sul lungomare di Anzio insieme al suo compagno. "Mi hanno picchiato perchè gay". Sono le parole che un ragazzo di 22 anni ha poi riferito agli agenti di polizia intervenuti sulla Riviera Vittorio Mallozzi la notte di Ferragosto. Come riporta Roma Today si è trattato di un'aggressione omofoba sulla quale stanno al momento indagando gli agenti del commissariato di Anzio, che hanno poi identificato e denunciato l'aggressore, un ragazzo romano di 23 anni. La vittima è un giovane residente ai Castelli Romani, che è stato medicato sul posto dal personale del 118 ma sembra non aver ancora sporto denuncia.

Sul caso è intervenuta intanto anche l'ArcyGay di Roma, che ha postato sulla sua pagina Facebook questo messaggio: "Alcune persone sono gay. Anche ad Anzio. Fattene una ragione". 

Sono state decine gli interventi della polizia nel corso del fine settimana del 15 agosto, su tutto il litorale romano. Ad Anzio e Nettuno, i servizi, effettuati con pattuglie appiedate e in auto, sono stati effettuati con l’ausilio dei carabinieri, nella giornata di sabato, e della Guardia di Finanza, domenica. In questo contesto nella notte tra sabato e domenica, due pattuglie del commissariato di Anzio e due della sezione Volanti sono intervenute per una rissa davanti a un locale, che è stato chiuso per 3 giorni per violazione alla normativa anti assembramento. Anche un altro locale è stato sanzionato per la stessa violazione. Sul posto i poliziotti hanno identificato 2 delle persone coinvolte che sono state pertanto denunciate all’Autorità Giudiziaria. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggressione omofoba sul litorale: "Mi hanno picchiato perché gay"

LatinaToday è in caricamento