rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
I risvolti

L'ombra della 'ndrangheta sulle elezioni di Anzio: i dettagli dell'inchiesta della Dda

La replica del sindaco di Anzio: "Fiducia nella magistratura. Abbiamo esercitato il mandato elettorale dei cittadini"

"Per quanto riguarda il sostegno elettorale offerto dal sodalizio criminale, esso si è concentrato nella località denominata Falasche, corrispondenti alle sezioni 15-16-17 del comune di Anzio. In una intercettazione del 25 maggio 2018 si sente uno degli interlocutori dire 'sto vedendo di rimediare qualche voto' affermando esplicitamente di trovarsi alle Falasche per fare proseliti". A scriverlo è il gip del tribuale di Roma Livio Sabatini nell'ordinanza di custodia cautelare con cui ha disposto 65 arresti nell'ambito dell'operazione condotta dai carabinieri del Nucleo investigativo di Roma e coordinata dalla Dda di Roma contro clan di 'ndrangheta nei comuni del litorale romano, Anzio e Nettuno. Nell'inchiesta emerge dunque l'ombra del sostegno del gruppo nelle scorse elezioni di Anzio.

"Candido De Angelis (non indagato ndr.), imprenditore ittico, è stato eletto sindaco del comune di Anzio il 10 giugno 2018 (al primo turno riportando 13.127 voti pari al 55,28% sostenuto dalla coalizione composta dalla Lega, Lista Civica, Forza Italia, Fratelli d'Italia, Unione Centro, Il popolo della Famiglia) avendo già ricoperto tale incarico per due mandati dal 1998 al 2008 - si legge ancora nell'ordinanza - in altre parole, negli ultimi 23 anni De Angelis ha guidato il comune di Anzio per 13 anni ed è tuttora in carica. Occorre premettere che" un collaboratore "ha dichiarato che Candido De Angelis era stato eletto sindaco nella tornata elettorale del 2003 con il sostegno della famiglia Gallace", si legge ancora nell'ordinanza.

"In due conversazioni captate il 9 aprile 2018, l'interlocutore parla con la fidanzata: 'Devi parlare con un amico di tuo padre..ah, con il sindaco giusto"; "Candido il futuro sindaco si chiama Candido De Angelis"'. Il giorno dopo la vittoria elettorale per la carica di sindaco di Anzio vengono captate "tre conversazioni di eccezionale valore probatorio rivelatrici del sostegno offerto dalle famiglie calabresi in favore di De Angelis" sottolinea il gip. "Ha sbancato proprio su tutti"; "Io so qui alle Falasche ancora. Da ieri che sto qua, stiamo spogliando l'ultimo seggio…"; "Candido è il sindaco, ha vinto e basta!". In un'altra intercettazione si sente un commento sull'esito delle elezioni comunali di Anzio: "Ieri sera abbiamo vinto le elezioni…sì si, ha vinto Candido, al primo turno…e io sto con lui, pure al mandato scorso, dopo fatti vedere, stavolta non c'è trippa per gatti…".

Pronta la replica del primo cittadino Candido De Angelis: "L'amministrazione comunale della città di Anzio, a seguito delle attività svolte questa mattina dalle autorità competenti sul litorale romano - si legge nella comunicazione - è serena rispetto alla correttezza del proprio operato, ha collaborato ampiamente per la riuscita delle operazioni svolte, in un clima di massima disponibilità, da parte del sottoscritto, del segretario generale e di tutti gli uffici dell'ente. Confidiamo nel lavoro della magistratura, nell'assoluta consapevolezza di aver sempre esercitato liberamente il mandato elettorale conferito dai cittadini". 

Operazione contro la 'ndrangheta ad Anzio e Nettuno - Il video

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'ombra della 'ndrangheta sulle elezioni di Anzio: i dettagli dell'inchiesta della Dda

LatinaToday è in caricamento