Cronaca

Appalti pilotati e corruzione, misura cautelare per un funzionario dell'Astral di Sezze

I dettagli di un'inchiesta coordinata dalla Procura di Frosinone e condotta dai carabinieri e dalla Guardia di Finanza. Indagato anche un imprenditore di Monte San Biagio

Corruzione, frode e turbativa d’asta. Reati commessi durante gare di appalto indette per l'assegnazione di lavori pubblici per il rifacimento delle strade nel quarto lotto Sud per un valore di 5 milioni di euro, eseguiti in tre comuni ciociari. Nelle province di Frosinone, Roma e Latina il personale di Pg dei carabinieri della Procura di Frosinone, i militari del nucleo investigativo e la Guardia di Finanza di Frosinone, hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare a carico di due soggetti. 

Il caso riguarda una serie di costi gonfiati e omissioni in cambio di vetture prese a noleggio. Destinatari della misura cautelare sono un uomo di Sezze, G.F., 63 anni, funzionario dell'Astral, la società della Regione Lazio che si occupa delle manutenzione delle strade, e un imprenditore di Veroli, G.P. 53 anni. Il funzionario dell'Astral residente a Sezze è stato sospeso dal servizio per un anno, mentre l'imprenditore di Veroli ha avuto il divieto di esercitare le attività imprenditoriali legate ai fatti contestati. 

Secondo quanto raccolto dagli investigatori, il  direttore dei lavori per conto di Astral non avrebbe controllato gli interventi previsti dall'appalto. Nel mirino della Procura sono finiti appalti per un valore di 5 milioni di euro in quattro comuni ciociari: Strangolagalli, Guarcino, Morolo e Ripi.  Dodici sono invece le persone a cui è stata notificata la chiusura delle indagini. Tra gli altri indagati anche un imprenditore di Monte San Biagio, G.C.

Tutti i particolari dell'inchiesta su Frosinone Today

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appalti pilotati e corruzione, misura cautelare per un funzionario dell'Astral di Sezze

LatinaToday è in caricamento