rotate-mobile
GIUDIZIARIA / Aprilia

Tentato omicidio, l'interrogatorio: "Non sapevo di avere il coltello in tasca"

Il 57enne arrestato ad Aprilia si difende ma il giudice per le indagini preliminari convalida l'arresto e lo lascia in carcere

Ha raccontato che non voleva uccidere e che il coltello utilizzato per ferire la vittima era casualmente nella sua tasca. Interrogatorio di convalida questa mattina per il 57enne di Aprilia arrestato venerdì con l’accusa di tentato omicidio per avere accoltellato un 60enne facendolo finire in ospedale, dove si trova tuttora in prognosi riservata. 

S.G., queste le sue iniziali, è stato ascoltato dal giudice per le indagini preliminari Pierpaolo Bortone e ha risposto alle domande del magistrato spiegando che non sapeva di avere quel coltello in tasca. Il gip ha convalidato l’arresto confermando la custodia cautelare in carcere.

L’aggressione era avvenuta in via Aldo Moro, per strada. Secondo la ricostruzione dei carabinieri la vittima, tossicodipendente, aveva accumulato con il 57enne un debito di 300 euro e continuava a chiedere soldi. Di fronte all'ennesima richiesta, in un raptus di rabbia, l’uomo ha estratto un coltello a serramanico e ha colpito l'altro con due fendenti ferendolo al costato e procurandogli lesioni al fegato. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tentato omicidio, l'interrogatorio: "Non sapevo di avere il coltello in tasca"

LatinaToday è in caricamento