Incendio alla Loas, necessaria una mappatura dei siti rifiuti a rischio

Incontro tra il presidente della Provincia e il Pd di Aprilia. Moscardelli: "Mai più situazioni come quelle accadute a Aprilia"

Istituire un comitato tecnico di concerto tra Prefettura e Provincia e d’intesa con gli enti locali che si occupi dei siti che trattano rifiuti e che rappresentano pericoli per il territorio. E’ quanto proposto dal presidente della Provincia Carlo Medici nel corso dell’incontro di questa mattina con una delegazione del Partito Democratico di Aprilia guidata dal commissario cittadino del Pd nonché segretario provinciale Claudio Moscardelli. L’incontro era stato richiesto proprio al fine di verificare la volontà di procedere con un’attenzione particolare sui requisiti di sicurezza degli impianti attualmente operanti sul territorio apriliano alla luce dell'incendio divampato all'interno della Loas la scorsa settimana.

“Il disastro avvenuto nell’impianto della Loas  - spiega Moscardelli - deve rappresentare un punto di non ritorno per le verifiche all’interno di siti pericolosi. Non solo i controlli, che vorremmo fossero più puntuali da parte degli attori coinvolti nel rilascio o rinnovi delle autorizzazioni per gli impianti produttivi e di stoccaggio, ma anche un monitoraggio delle situazioni a rischio, spesso dimenticate. I cittadini attendono risposte ed è comprensibile, ma nell’attesa che la magistratura accerti quel che accaduto, chiedono legittimamente per il presente e il futuro che si lavori per evitare nuovi disastri. La proposta del Presidente della Provincia Medici, di istituire un Comitato tecnico di concerto con la Prefettura e la Provincia, d’intesa con gli enti locali e previa consultazione della popolazione, ci trova d'accordo, riteniamo che questa possa costituire una delle risposte fattibili per limitare gli effetti dannosi derivanti da incidenti rilevanti per impianti di stoccaggio temporaneo, come nel caso specifico avvenuto ad Aprilia”

Il Presidente Medici ha dato la sua disponibilità attraverso questo Comitato tecnico di passare in rassegna i siti a rischio e da parte sua il Pd, ha annunciato il segretario provinciale, si impegnerà fortemente, in tutte le sedi, affinché si consolidi una mappatura dei siti a rischio, compresi quelli dismessi, alcuni dei quali destano forti preoccupazione da parte dei cittadini di Aprilia che da anni ne attendono la bonifica. Nel corso della riunione è stato sottoposto al Presidente della Provincia un elenco delle situazioni più a rischio, sulle quali “si dovrebbero accendere i riflettori delle autorità politiche e non solo   conclude Moscardelli - al fine di garantire la salute dei cittadini e il rispetto del territorio”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: nel Lazio 1541 nuovi casi e 10 decessi. In provincia il secondo dato più alto di sempre

  • Coronavirus, ancora 124 contagi in provincia e un altro morto. Ottavo decesso in otto giorni

  • Coronavirus, 1687 nuovi casi nel Lazio e 9 morti. E' massima allerta

  • Coronavirus, nel Lazio sfiorati i 2mila casi giornalieri, 25mila i tamponi. Aumentano i guariti

  • Coronavirus Latina, i contagi continuano a salire: altri 139 casi in provincia. Un decesso

  • Coronavirus Latina, nuovo record: 209 contagi e due morti. I casi sono in 22 Comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento