menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Latitante inseguito dalla Polstrada abbandona il suv rubato e attraversa la Pontina: preso

Si tratta di 41enne albanese, arrestato per un ordine di carcerazione e denunciato per ricettazione e riciclaggio. Un uomo denunciato per favoreggiamento

Un latitante albanese è stato catturato dal personale del distaccamento della polizia stradale di Aprilia. Gli agenti, guidati dal comandante Massimiliano Corrdini, nel corso di mirati servizi di osservazione nell’ambito di indagini sul traffico illecito di veicoli hanno bloccato sulla Pontina, allo svincolo di via Fossignano, il 41enne albanese, in Italia senza fissa dimora. Dopo un breve inseguimento la pattuglia ha fermato l’uomo che risultava colpito da un ordine di carcerazione per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti emsso dal tribunale di Velletri lo scorso agosto. Da allora il 41enne si era reso però irreperibile.

L’operazione è scaturita da un controllo che era stato effettuato dalla pattuglia, lungo la Pontina, il giorno precedente a quello dell’arresto. Gli agenti, impegnati nel controllo alla viabilità, avevano cercato di bloccare una Toyota Rav 4 con targa austriaca. Il conducente, dopo aver tentato di seminare la pattuglia della Polstrada, aveva abbandonato il veicolo e aveva attraversato pericolosamente l’arteria stradale  facendo perdere le proprie tracce. Le immediate attività info investigative hanno poi consentito di individuare il luogo in cui l’uomo si era rifugiato dopo aver abbandonato il suv e quindi di bloccarlo il mattino successivo.

Gli accertamenti successivi hanno poi permesso di verificare la Toyota, di cui era stato contraffatto il numero di telaio, risultava rubata nella provincia di Teramo mentre le targhe e i documenti di circolazione risultavano rubati in uno stato estero della comunità europea. Al termine delle formalità di rito il cittadino albanese è stato condotto in carcere a Latina per espiare la pena per detenzione e spaccio mentre è stato denunciato a piede libero per il reato di ricettazione e riciclaggio in concorso. Il complice è un cittadino tunisino del ’66, pluripregiudicato, domiciliato ad Aprilia. Quest’ultimo dovrà rispondere anche del reato di favoreggiamento personale per aver favorito la latitanza dell’albanese.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento