menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Raffinerie di cocaina e crack e un supermarket della droga: 16 arresti nell'operazione Babele

L'indagine coordinata dalla Dda e condotta dai carabinieri del reparto territoriale di Aprilia ha portato a disarticolare un'organizzazione di narcotrafficanti

Sedici persone arrestate nell'ambito dell'operazione Babele, scattata all'alba e condotta dai carabinieri del comando provinciale nelle città di Aprilia e Pomezia. Le accuse sono di associazione finalizzata al traffico di cocaina, hashish e marijuana. 

Operazione Babele: i nomi dei 16 arrestati

L'indagine, coordinata dalla Dda di Roma, è stata avviata dai militari del reparto territoriale di Aprilia nel 2018 e ha consentito di disarticolare un'organizzazione criminale dedita al narcotraffico, di arrestare otto persone in flagranza di reato e di sottoporre a sequestro 2,5 chili di cocaina e 226 chili di hashish. Le attività investigative hanno documentato come gli appartenenti al gruppo abbiano assunto il totale controllo di un’importante piazza di spaccio in un quartiere popoloso della città pontina, la quarta del Lazio per numero di abitanti, caratterizzato dalla presenza di numerose strutture scolastiche e ricreative.

Operazione "Babele": 16 arresti - Il video 

Sono state scoperte inoltre due raffinerie di cocaina e crack ed è stato dimostrato come i narcotrafficanti si servissero di spacciatori che avevano occupato un appartamento posto all’ultimo piano di una palazzina divenuta un supermarket della droga dove, con un sistema di controllo che utilizzava telecamere, vedette e porte blindate, vendevano al dettaglio ogni tipo di sostanza stupefacente a tutte le ore del giorno e della notte operando sulla base di un vero e proprio sistema di turnazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cucina

    La tradizione in tavola: la Carbonara

  • Cucina

    La tradizione in tavola: la pastiera napoletana

Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento