Abbigliamento con marchi contraffatti: l'operazione della Finanza anche ad Aprilia

Perquisizioni e sequestri operati anche in provincia di Latina nell'ambito di un'indagine coordinata dalla Procura di Nola che ha toccato 17 regioni italiane. Sequestrati 3500 capi contraffatti

I militari della Guardia di finanza di Aprilia, nell'ambito di un'attività di indagine coordinata dalla Procura di Nola, hanno dato esecuzione a una serie di perquisizioni e sequestri contro i marchi contraffatti a tutela del Made in Italy. Circa 100 le perquisizioni eseguite in 16 regioni italiane con il sequestro di circa 3500 capi contraffatti.

L'attività investigativa ha permesso di accertare l'esistenza di un complesso sistema di commercializzazione di merce con marchi falsi di note case di abbigliamento internazionali diffuse soprattutto fra i giovani. Gli imprenditori indagati sono gestori di due note catene di abbigliamento giovanili che vendono merce su tutto il territorio nazionale.

Le indagini hanno dunque consentito di ricostruire tutta la filiera del falso, verificando la presenza di una fitta rete di esercizi commerciali deputata alla vendita di abbigliamento contraffatto che alterava il mercato legale. L'intera operazione messa in campo ha richiesto l'impiego di 250 uomini e 73 reparti della Guardia di finanza per eseguire 100 perquisizioni in altrettanti centri commerciali e punti vendita di 17 regioni del Paese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il paziente piange, l'infermiera del reparto covid si ferma e lo rassicura. Lo scatto diventa virale

  • Coronavirus Latina: lutto nell’Arma dei Carabinieri, muore l’appuntato Alessandro Cosmo

  • Coronavirus: Lazio in zona arancione. Nuove restrizioni anche per la provincia di Latina

  • Vaccini agli over 80: avviso ai medici di medicina generale. Si parte il primo febbraio

  • Coronavirus Latina, altra impennata: 382 nuovi casi in provincia. Un decesso

  • Coronavirus Latina: sono 119 i nuovi casi positivi in provincia. Un altro decesso

Torna su
LatinaToday è in caricamento