Metro off limits per i disabili a Roma: la storia di un giovane studente di Aprilia

“Sono stanco di vivere in un paese che non porta rispetto alle persone diversamente abili”: lo sfogo di Matteo, 21 anni: per una serie di guasti agli ascensori di tre stazioni salta l’esame all’Università

“Sono stanco di vivere in un paese che non porta rispetto alle persone diversamente abili”: questo lo sfogo di Matteo Chittaro, studente 21enne di Aprilia costretto sulla sedia a rotelle che lo scorso martedì 3 settembre non ha potuto affrontare l’esame di spagnolo all'Università perché intrappolato nella Metro B di Roma a causa di una serie di guasti agli ascensori di tre stazioni. 

E’ lui stesso a raccontare la sua storia a RomaToday, mentre si prepara a quell’esame che potrà sostenere invece oggi, mandando anche un messaggio alla sindaca di Roma Virginia Raggi e a tutta l'Amministrazione: "La situazione di ascensori e montascale nella stazioni deve migliorare. Così come quella dei marciapiedi, bisogna rifarli, così come dovrebbero essere manutenuti gli scivoli di accesso agli stessi". 

La sua vicenda ha fatto il giro del web, tanto da raggiungere Luca Pietromarchi, rettore dell'Università di RomaTre che ha sottolineato come quel test Matteo potrà farlo: "Lo consideriamo un atto dovuto. Come Ateneo ci impegniamo a garantire il pieno rispetto del diritto allo studio degli studenti con disabilità, a cui dedichiamo massima attenzione", ha detto. 

Il giovane studenti di Aprilia non porta rancore, ma prova delusione e un pizzico di rassegnazione. Quel martedì, come successo anche altri giorni, ha preso il treno alle 8 da Aprilia, dove vive, per arrivare alla stazione Termini mezz’ora più tardi; poi è andato a prendere la metro B in direzione Laurentina pensando di scendere alla fermata Marconi, davanti alla facoltà. “Qui, però - spiega RomaToday -, l'ascensore era fuori servizio. Ha così ripreso la metro scendendo a Eur Magliana, ma anche in questo caso l'ascensore era rotto. Stessa scena a Eur Fermi. L'unica soluzione sarebbe stata quella di arrivare a Laurentina ma per l'esame era già tardi”. "È assurdo che accadano queste cose a Roma", dice ribadendo che anche mercoledì l'ascensore di Marconi, quella che lo ha bloccato, era rotto: "Sono andato lì a constatare".

"Le altre volte ho sempre trovato una soluzione ma quello che è successo martedì è davvero troppo. Mi sono stancato di vivere in un paese che non porta rispetto alle persone diversamente abili”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa di nozze con 80 invitati, arrivano i carabinieri: tutti multati

  • Tragedia a Latina, precipita dal 14esimo piano del grattacielo Pennacchi: muore un ragazza

  • Coronavirus, allerta arancione nel Lazio: 795 casi. D'Amato: "Si teme un peggioramento"

  • Coronavirus, nuovo record in provincia: 78 casi in un giorno. Solo a Latina 35 contagi

  • Coronavirus, contagi inarrestabili. Nel Lazio quasi 600 nuovi casi, in provincia 47 in più

  • Coronavirus, l'ondata non si ferma: 64 nuovi contagi, 21 sono a Latina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento