Cronaca

Capannone adibito a deposito di moto rubate, la scoperta della Polstrada di Aprilia

All'interno della struttura motocicli di grossa cilindrata e disturbatori di frequenza per neutralizzare gli antifurti con sistema satellitare

Un vero e proprio deposito di moto rubate. Lo hanno scoperto gli investigatori della polizia stradale di Aprilia seguendo le tracce di una moto di grossa cilindrata rubata nella zona San Giovanni a Roma.

Quando hanno fatto irruzione all’interno del capannone alla periferia di Ardea all’interno non hanno ritrovato soltanto la moto ricercata, ma anche altri dieci motocicli, tutti di grossa cilindrata, rubati nella capitale nei giorni scorsi. Alcuni mezzi erano già stati smontati e le parti accuratamente confezionate, pronte per essere rivendute come ricambi.

Nel corso della perquisizione del capannone sono stati trovati anche due nuovi modelli di jammer telefonico, vale a dire disturbatori di frequenze, estremamente performanti per le loro ridotte dimensioni. L’ipotesi è che i nuovi dispositivi, celati in apposite cover da braccio, siano stati utilizzati dai ladri durante i furti delle moto per inibire segnali satellitari degli antifurti/localizzatori eventualmente installati sui veicoli.

L’attività investigativa prosegue per individuare i ladri e i soggetti che si occupavano dello smontaggio dei motocicli rubati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capannone adibito a deposito di moto rubate, la scoperta della Polstrada di Aprilia

LatinaToday è in caricamento