Arianna Briasco morta per overdose, processo per stalking all'amico colombiano

In aula la madre della 16enne racconta la persecuzione: telefonate e messaggi anche in piena notte

Ha parlato la mamma di Arianna Briasco questa mattina nell’udienza del processo a carico di Juan Camilo Pinzon Pinzon, il 25enne di origine colombiana chiamato a rispondere di stalking nei confronti della 16enne di Latina deceduta il 24 luglio 2015 a soli sedici anni per una overdose di eroina.

La donna aveva infatti presentato una denuncia in Questura nella quale sottolineava come lo straniero per un lungo periodo – da giugno 2013 fino a gennaio 2015 – prima della morte della figlia, l’avrebbe tormentata “con continue telefonate, invio di sms, videomessaggi in chat anche in piena notte con i quali chiedeva a Arianna di stargli vicino, di raggiungerlo altrimenti avrebbe continuato a drogarsi e sarebbe morto”.  L’imputato si sarebbe inoltre presentato più volte presso il liceo scientifico frequentato dalla ragazza fino ad arrivare, in una occasione, a inseguirla per strada, strattonarla e afferrarla per un braccio per impedirne la fuga. Un modo di fare che avrebbe provocato alla giovane un evidente stato di ansia e paura per la sua incolumità.

E’ stata proprio Barbara Votta, la madre, questa mattina a raccontare il comportamento persecutorio del colombiano, assistito dagli avvocati Mirko Vani e Valentina Macor.  A suo avviso il 25enne avrebbe anche indotto la ragazza all’uso di droghe pesanti anche se questa accusa non ha poi avuto seguito ed è stata archiviata. Sulla drammatica fine di Arianna è stata comunque aperta un’inchiesta della Procura in seguito alla quale  c’è stato il rinvio a giudizio di quattro persone accusate di cessione di sostanze stupefacenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo avere ascoltato la testimonianza  mattina, a conclusione della testimonianza della mamma, l’udienza è stata aggiornata al 26 giugno per ascoltare il dirigente ed un insegnante del liceo scientifico frequentato da Arianna Briasco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa di nozze con 80 invitati, arrivano i carabinieri: tutti multati

  • Coronavirus, allerta arancione nel Lazio: 795 casi. D'Amato: "Si teme un peggioramento"

  • Coronavirus: nel Lazio 1219 nuovi casi, numeri record in provincia. D’Amato: “Questi i giorni più difficili”

  • Incidente a Sabaudia sulla Migliara 53, scontro tra auto e furgone: muore un ragazzo, due feriti

  • Piazza del Popolo torna agli anni ’70: a Latina le riprese del film "L’Arminuta"

  • Coronavirus, l'ondata non si ferma: 64 nuovi contagi, 21 sono a Latina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento