Agenti arrestati al carcere di Latina, Sippe: "Polizia penitenziaria è istituzione sana"

L'intervento del presidente nazionale del Sindacato Polizia Penitenziaria De Pasquale

"Mi complimento con le forze dell'Ordine e con il comando della polizia penitenziaria di Latina per l'operazione di questa notte, che ha portato all'arresto anche di due poliziotti penitenziari, a quanto pare corrotti". A dichiararlo è Alessandro De Pasquale, presidente nazionale del Si.P.Pe. (Sindacato Polizia Penitenziaria).

“È inutile nascondere l'amarezza che questo arresto ha determinato tra i poliziotti penitenziari di Latina, tuttavia è opportuno affermare che il Corpo di polizia penitenziaria e il carcere pontino sono comunque un'istituzione sana, tanto che l’arresto dei due poliziotti penitenziari è un risultato di un'attività investigativa a cui hanno partecipato gli stessi poliziotti penitenziari della città pontina. Nel carcere di Latina - conclude De Pasquale - ci sono circa 200 professionisti, tra personale civile e di polizia, che operano con sacrificio, spirito di servizio e senso del dovere ed i poliziotti penitenziari sono sempre in prima linea per eliminare eventuali mele marce".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus Latina: la curva non scende, 244 nuovi casi in provincia. Altri 3 decessi

  • Coronavirus, la curva continua a salire: altri 236 casi, ancora sette morti in 24 ore

  • Coronavirus Latina: si impenna ancora la curva, 274 i nuovi casi. Altri 6 decessi

  • Coronavirus, racconto dal reparto dei pazienti gravi: "Covid contagiosissimo e pericoloso. L'età si abbassa"

Torna su
LatinaToday è in caricamento