rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca

Arresto Mandara, Birindelli: “Nessuno stop per le aziende del Lazio”

Le manette per il "re della mozzarella" potevano avere ripercussioni anche nella provincia pontina. Assessore: "I produttori continueranno a conferire il prodotto come avvenuto fino ad oggi"

L’arresto del “re della mozzarella” avvenuto nei giorni scorsi poteva avere delle ripercussioni sulle attività del Lazio e anche della provincia pontina.

Questa era la preoccupazione dell’assessore regionale Angela Birindelli che ha immediatamente convocato il tavolo di filiera del latte di bufala.

Lo scorso 17 luglio le manette sono scattate per Giuseppe Mandara titolare dell’omonimo gruppo caseario campano, noto marchio nazionale e internazionale produttore di mozzarelle di bufala. Per lui le accuse sono associazione per delinquere di stampo camorristico e reati in tema di tutela della salute pubblica.

La paura era tanta quindi anche per i numerosi allevatori laziali - molti di loro sono anche della provincia di Latina -, che conferivano il latte allo stabilimento oggi in amministrazione controllata. Rassicurazioni sono giunte invece dal tavolo convocato dall’assessore regionale Birindelli che ha commentato così a margine dell’incontro: “Con una nota dell’amministratore Giudiziario, il caseificio Mandara conferma la continuità lavorativa dell’azienda e il rispetto degli impegni e delle obbligazioni assunte dalla stessa nei confronti dei propri fornitori. I produttori di latte di bufala del Lazio possono quindi continuare a conferire il prodotto come avvenuto fino ad oggi”.

“Il 30% del latte di bufala trasformato dal caseificio Mandara – aggiunge Birindelli – proviene dal lavoro di oltre 80 aziende del Lazio per un totale di 700 quintali di latte conferiti al giorno, di cui 200 prodotti nella provincia di Frosinone e 500 in quella di Latina. Numeri importanti per i quali ho ritenuto necessario convocare urgentemente il tavolo di filiera affinché si facesse chiarezza sulle prospettive future dei nostri allevatori. Al momento abbiamo ricevuto delle rassicurazioni, ma stiamo lavorando per anticipare eventuali evoluzioni della situazione che potrebbero recare danno ai nostri allevatori”.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arresto Mandara, Birindelli: “Nessuno stop per le aziende del Lazio”

LatinaToday è in caricamento