Cronaca

Arsenico nell’acqua, dati choc: a rischio la filiera alimentare

Indagine dell'Istituto Superiore della Sanità e l'Ordine dei Medici su cittadini e filiera: risultati preoccupanti. Nelle persone livelli doppi rispetto alla media

L'emergenza arsenico nell'acqua del Lazio comincia a preoccupare davvero. L'ultima novità che spaventa, e non poco, viene da una collaborazione fra l'Istituto Superiore di Sanità e l'Ordine dei Medici. Due, soprattutto, i dati che mettono paura: i cittadini delle zone interessate mostrano un livello di arsenico nell'organismo doppio rispetto a popolazioni di zone 'normali'. E soprattutto sarebbe in grave pericolo tutta la filiera alimentare di zona.

LE ANALISI - L'Istituto Superiore di Sanità ha condotto analisi su campioni di unghie e urine di 269 soggetti sani, da 1 a 88 anni di età, residenti nelle aree a rischio di Roma, Latina e Viterbo. I risultati dei test, pubblicati in giornata, non sono per niente incoraggianti. E' emerso, infatti, che la concentrazione di arsenico è pari a 200 nanogrammi per grammo contro gli 82 nanogrammi di un gruppo di controllo nella popolazione generale. Il che vuol dire che la 'quota di arsenico' è più del doppio rispetto alla media.

LE DECISIONI UE - Nel 2001 l'Ue aveva disposto precisi limiti alle quantità di arsenico, dopo che l'Organizzazione Mondiale per la Sanità aveva catalogato la sostanza come cancerogena. I limiti dell'Ue, stando anche ai dati pubblicati dopo la ricerca Iss, sembra siano superati nelle zone del Lazio interessante dall'emergenza arsenico nell'acqua.

FILIERA A RISCHIO - L'emergenza, però, potrebbe pericolosamente allargarsi. Analisi, sempre guidate da Iss e Ordine dei Medici, infatti, sono in corso su vari tipi di prodotti alimentari e dai dati preliminari emerge un livello di arsenico nel pane superiore a quello di aree con livelli di fondo. Intanto, sono in corso anche analisi di ortaggi, coltivati in tali aree. La causa dei dati 'sospetti', naturalmente, è da individuarsi nella maggiore presenza di arsenico nei terreni così come nella rete idrica, la cui acqua è usata per irrigare i campi. Ciò potrebbe significare, secondo l'allarme degli istituti sanitari, che la popolazione di queste aree è soggetta ad una maggiore esposizione all'arsenico sia per l'utilizzo dell'acqua sia attraverso la catena alimentare.

COMMENTO DI FEDERUTILITY

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arsenico nell’acqua, dati choc: a rischio la filiera alimentare

LatinaToday è in caricamento