rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Cronaca Cori

Arsenico nell’acqua oltre i limiti a Cori, ordinanza del sindaco: divieto di utilizzo

Il sindaco ha decretato il "divieto assoluto di utilizzo dell'acqua destinata al consumo alimentare umano e di ogni altro uso potabile dell'acqua". Conti punta il dito contro Acqualatina: "Pronti ad aprire la procedura di infrazione e risarcimento danni"

Divieto assoluto di utilizzo dell'acqua destinata al consumo alimentare umano e di ogni altro uso potabile dell'acqua proveniente dai pozzi di captazione che alimentano l'acquedotto di Cori capoluogo: è scattata oggi l’ordinanza del sindaco Tommaso Conti. 

Un’ordinanza, spiegano dall’amministrazione che “si è resa necessaria a seguito della nota dell'Azienda Sanitaria Locale ASL LT UOSD SIAN - Servizio Igiene Alimentare e Nutrizionale - del 10 ottobre con la quale ha reso noto al Comune di Cori il superamento dei valori dell'arsenico rispetto a quanto previsto dal D.Lgs. 31/2001”.

“I risultati delle ultime analisi effettuate sui campioni di acqua prelevati il 4 ottobre dalla rete pubblica di Cori capoluogo - prosegue la nota dell’amministrazione - risultano essere par a: 23µg/l (piazza Signina); 24µg/l (piazza della Croce); 30µg/l (Madonna delle Grazie); quindi superiori al limite di 10µg/l indicato dal Dipartimento Istituzionale e Territorio Direzione Regionale Ambiente - Regione Lazio. 

L'Ente Gestore del Servizio Idrico Integrato sta provvedendo da ieri a fornire acqua potabile con le due autobotti posizionate a Cori valle, in piazza della Croce, e nell'area mercato di Cori monte, dove è stato sospeso l'approvvigionamento di acqua dai distributori automatici ‘AcquaSelf’".

Nessun problema di potabilità a Giulianello.

Pronta l'azione del Comune che punta il dito contro Acqualatina. ”Provvederemo ad aprire una procedura di infrazione per violazione contrattuale nell'erogazione del servizio e per il relativo risarcimento dei danni dovuto al disservizio, alla omessa informazione e comunicazione e alla carenza del servizio sostitutivo”, annuncia il sindaco Tommaso Conti, furioso perchè il consistente innalzamento dei valori di arsenico non è stato comunicato in alcun modo da Acqualatina. 

"È già la seconda volta che accade in 6 mesi, senza che Acqualatina si sia degnata di informarci di come intende ovviare all'inconveniente. Visto che ci sono state taciute le cause, con ogni probabilità l'aumento dei valori dell'arsenico nell'acqua è da ascrivere al malfunzionamento degli impianti di dearsenizzazione, sotto la diretta custodia, gestione e responsabilità di Acqualatina - spiega Tommaso Conti - auspichiamo che questa incuria e negligenza non si ripeta perché il grado di tolleranza nei confronti dei comportamenti del gestore idrico è ormai al limite."

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arsenico nell’acqua oltre i limiti a Cori, ordinanza del sindaco: divieto di utilizzo

LatinaToday è in caricamento