rotate-mobile
Cronaca Cori

Arsenico nell’acqua, limiti superati a Cori: ordinanza di non potabilità

Il provvedimento emesso dal sindaco con il quale è stato imposto il divieto di utilizzo dell'acqua destinata al consumo alimentare e umano. A disposizione due autobotti

Ieri Cisterna, oggi Cori. Anche nel comune lepino arriva il divieto di utilizzo dell’acqua destinata al consumo alimentare e umano proveniente dall’acquedotto pubblico dell’ex Simbrivio di Cori Monte, in via Madonna del Soccorso, a causa del superamento di concentrazione di arsenico.

Nel frattempo sono a diosposizione dei cittadini due autobotti per il rifornimento di acqua potabile, una presso l’area mercato – ex campo sportivo e l’altra a piazza della Croce, mentre l’Ente Gestore del Servizio Idrico inoltre provvederà a rifornire le scuole di Cori di acqua potabile imbottigliata.

L’ordinanza emessa dal sindaco Tommaso Conti si è resa necessaria a seguito dell’ultimo bollettino del SIAN ASL Latina - Dipartimento di Prevenzione U.O.C. Servizio di Igiene Alimenti e Nutrizione - con il quale è stato comunicato il superamento dei valori di arsenico consentiti dalla legge (10μg/l - diecimicrogrammilitro) presso i tre punti di prelievo dislocati sul territorio (area mercato – ex campo sportivo; piazza della Croce; via delle Grazie).

Il divieto non riguarda però Giulianello, dove l’acqua servita dal serbatoio Madonnella è potabile e perciò perfettamente utilizzabile.

“Più precisamente – spiega l’amministrazione -, a Cori, l’acqua erogata dal servizio idrico non è utilizzabile per cottura, reidratazione e ricostituzione di alimenti; per preparazione di alimenti e bevande (escluso lavaggio frutta e verdura sotto flusso d’acqua e utilizzando acqua potabile per l’ultimo risciacquo); per pratiche di igiene personale che comportino ingestione anche limitata di acqua (lavaggio denti e cavo orale).
Invece è consentito l’uso dell’acqua per l’igiene personale (es. doccia), tranne nei casi di presenza di patologie cutanee (eczema, patologie cutanee a rischio anche di tipo evolutivo o degenerativo); per tutte le operazioni di igiene domestica (lavaggio indumenti, stoviglie, ambienti), scarico wc e impianti di riscaldamento”.

Intanto sono in corso nuove analisi per verificare il rientro dei valori entro i limiti tabellari. Sarà nostra cura dare pronta informazione in merito all’evolversi degli eventi.

Per ulteriori informazioni i cittadini possono rivolgersi all’Ufficio Ambiente e Protezione Civile del Comune di Cori (tel. 06.96617223) e al Comando di Polizia Locale di Cori (tel. 06.9677578), dal lunedì al sabato, dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e dalle ore 15.00 alle 18.00, e la domenica dalle ore 9.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 19.00.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arsenico nell’acqua, limiti superati a Cori: ordinanza di non potabilità

LatinaToday è in caricamento