rotate-mobile
Cronaca

Arsenico, Acqualatina tranquillizza: “Impianti funzionanti ovunque”

La società: "Grazie agli impianti i valori sono ora nella norma. Quelli di Santa Maria sono da dovuti solo alla recentissima installazione del dearsenizzatore di Carano-Giannottola"

Insieme a quella dei rifiuti, la questione arsenico è sicuramente uno degli argomenti del momento e che tiene maggiormente viva l’attenzione dei cittadini Dopo la conferenza stampa di Acqualatina poco prima della fine dell’anno con cui la società assicurava che i valori di arsenico nell’acqua erano nella norma in tutti i comuni dell’Ato, nelle scorse ore è arrivata la replica del Pd: a Borgo Santa Maria e in alcune zone di Aprilia i valori avrebbero superato, anche se di poco (11 microgrammi/litro), i limiti di legge.

Ma immediata è arrivata anche la replica di Acqualtina la quale ha confermato che “tutte le sorgenti precedentemente impattate dalla presenza di arsenico, sono attualmente provviste di impianti di dearsenizzazione attivi e funzionanti. Proprio grazie a tali impianti – precisa la società -, infatti, a seguito di un primo periodo di collaudo, i valori di arsenico in tutti i Comuni dell’Ato4 sono attualmente inferiori ai 10 microgrammi/litro stabiliti per legge, come dimostrano le analisi interne effettuate dal Gestore e confermano le analisi ufficiali pubblicate dall’Asl”.

“Anche il valore rilevato dalla Asl nella zona di Borgo Santa Maria il 03/01, seppur lievemente superiore ai limiti di legge (11 microgrammi/litro)- spiegano da Acqualatina - è da ritenersi esclusivamente dovuto alla recentissima installazione del dearsenizzatore di Carano – Giannottola che, come è evidente, necessita di una fase di stabilizzazione e settaggio. Tale valore, è, comunque, rientrato immediatamente, come confermato dalle analisi interne del Gestore. Attualmente, l’ufficio della Asl territorialmente competente sta effettuando nuove analisi, i cui risultati saranno resi noti a breve. Inoltre – conclude -, con le ulteriori opere in corso, la cui realizzazione sarà conclusa nei primi mesi di quest’anno, i valori di arsenico andranno ulteriormente e sensibilmente a diminuire.

APRILIA – Intanto interviene di nuovo anche il Comune di Aprilia, che già nei giorni scorsi aveva comunicato di tenere la situazione sotto stretto monitoraggio e di essere in stretto contatto con l’Asl, chiedendo costantemente aggiornamenti per l’eventuale adozioni di ordinanze a tutela della salute pubblica. 

“Si comunica – si legge in una nota - che il Dipartimento di Prevenzione - Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione dell’Asl di Latina ha trasmesso presso il Comune di Aprilia i referti delle analisi effettuate su campioni di acqua potabile tra il 28 dicembre 2012 e il 4 gennaio 2013, con particolare riferimento alla concentrazione molecolare di arsenico. L’azienda sanitaria evidenzia, nell’andamento dei risultati di Aprilia, un progressivo abbassamento dei valori, che tuttavia attualmente vengono definiti borderline dalla stessa Asl, visto il valore massimo ammesso di 10 microgrammi al litro del metallo in questione nelle risorse idriche”.

I referti sanitari trasmessi presso l’ente pubblico (data e punto di prelievo, località, referti in microgrammi/litro):

- 28/12/2012, viale Europa, quartiere Toscanini: 10 microgrammi/litro;

- 28/12/2012, piazza Benedetto Croce, centro: 11 microgrammi/litro;

- 28/12/2012, piazza della Repubblica, centro: 11 microgrammi/litro;

- 28/12/2012, via Di Giacomo, quartiere Montarelli: 11 microgrammi/litro;

- 02/01/2013, viale Europa, quartiere Toscanini: 10 microgrammi/litro;

- 02/01/2013, piazza della Repubblica, centro: 10 microgrammi/litro;

- 04/01/2013, via Mediana, Campoverde: 8 microgrammi/litro;

- 04/01/2013, via Isole, quartiere Gattone/Isole: 8 microgrammi/litro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arsenico, Acqualatina tranquillizza: “Impianti funzionanti ovunque”

LatinaToday è in caricamento