Associazione Italian Persone Down, 40 ragazzi in visita al Cisternone

Giornata speciale ieri a Formia. Un’occasione di incontro per i ragazzi che prendono parte a visite e laboratori e un momento utile di confronto per le famiglie

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LatinaToday

Nord, centro, sud. La delegazione di 40 ragazzi down che ieri pomeriggio ha fatto visita al Cisternone romano di Castellone proveniva praticamente da tutta Italia.

Sono gli ospiti del campus promosso dall’Associazione Italiana Persone Down che da domenica si tiene a Sperlonga in località Torre Capovento. Un’occasione di incontro per i ragazzi che prendono parte a visite e laboratori e un momento utile di confronto per le famiglie che possono discutere delle problematiche inerenti la sindrome e delle iniziative più efficaci da mettere in campo per rendere questi ragazzi sempre più indipendenti e felici.

L’allegra delegazione ha fatto visita al Cisternone accompagnata dall’Assessore alle Politiche Sociali Stefania Valerio e dall’Assessore alla Cultura Antonella Prenner che ha fatto da guida. Gli ospiti provenienti da Santeramo in Colle hanno voluto visitare anche la Chiesa di Sant’Erasmo in onore del Santo che dal 2004 lega Formia alla città pugliese in un patto di gemellaggio.

Il gruppo ha fatto tappa anche all’Happy Bar, l’esercizio che l’AIPD ha aperto di recente all’interno della Villa Comunale e che ogni giorno impiega personale composto da ragazzi affetti da sindrome di down. L’esperienza sta andando benissimo. I sei baristi “speciali” sono entusiasti dell’attività e attendono al loro impegno con crescente professionalità. 

Torna su
LatinaToday è in caricamento