rotate-mobile
Cronaca

Attacchi ai siti internet, operazione anti cracker: pontino in manette

Tre in totale le persone in manette una denunciata; tutte facevano parte di un gruppo di cracker che aveva attaccato sistemi informatici di vari siti istituzionali ed aziendali

Tre arresti – uno dei quali residente nella provincia di Latina -, una denuncia a piede libero e diverse perquisizioni.

Questo è il bilancio di un’operazione condotta dal personale Centro Nazionale Anticrimine Informatico per la Protezione delle Infrastrutture Critiche - Cnaipic - della Polizia Postale e delle Comunicazioni nei confronti dei membri di un gruppo di cracker, nota come “LndTm 2013″, dedito alla commissione di attacchi nei confronti dei sistemi informatici di vari siti istituzionali ed aziendali tra cui quello del Tribunale di Milano e della Polizia Penitenziaria, ma anche della polizia di Stato della Campania, di Imprendium, società che si occupa di imprenditoria femminile e contro la sezione del Pd di Bussero.it.

L’operazione, frutto di laboriose indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Roma, ha portato così ad identificare i membri del gruppo. I reati contestati ai tre arrestati – un 38enne originario di Roma ma residente nella provincia di Latina, un 32enne originario di Siracusa e residente a Reggio Emilia e un giovane di 26 anni di Milano – e alla persona denunciata sono quelli di accesso abusivo a sistemi informatici e di danneggiamento di informazioni, dati e programmi informatici.

Durante l'operazione, svolta in diverse città italiane visto l’ausilio dei compartimenti Polizia Postale e delle Comunicazioni di Milano e Venezia, delle sezioni Polizia Postale di Latina e Reggio Emilia nonchè del Commissariato di Chioggia, sono stati sequestrati numerosi personal computer e altri dispositivi utilizzati per commettere gli attacchi.

Determinante, in tale contesto, è stato il ruolo del personale del Cnaipic del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni impegnato per mesi in indagini di polizia giudiziaria e in attività di open source intelligence attraverso cui si è risaliti all'identificazione dei soggetti che si celavano dietro il nickname del gruppo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attacchi ai siti internet, operazione anti cracker: pontino in manette

LatinaToday è in caricamento