Cronaca

Attacco hacker al sito della Regione, D'Amato: "Campagna vaccinale continua, non ci fermeremo"

L'attacco ha disattivato anche il portale delle prenotazioni. Chi è già prenotato però può accedere ai centri vaccinali. La procura apre un'inchiesta. Zingaretti: "Raggiunto il 70% della popolazione adulta"

Il sistema informatico della Regione Lazio è stato messo fuori uso da un attacco hacker che dalla notte tra il 31 luglio e il primo agosto ha messo fuori uso tutti i servizi telematici sanitari regionali e anche il portale che gestisce la prenotazione dei vaccini. Ma l'assessore alla Sanità del Lazio Alessio D'Amato assicura che "la campagna vaccinale sta procedendo e proseguirà regolarmente".

"Non c'è stata nessuna interruzione e non ci sarà nei prossimi giorni - spiega ancora l'assessore in una nota - L'attacco hacket non è riuscito a bloccare la campagna vaccinale del Lazio. Ringrazio tutti i nostri operatori che si stanno impegnando per garantire tutte le somministrazioni. Chi è prenotato può andare tranquillamente nei centri vaccinali. Ringrazio il commissario Figliuolo per la disponibilità che ci ha dato nel garantire il supporto nel trasferimento dei flussi nell'anagrafe vaccinale nazionale. Non ci fermermo di fronte a questo attacco". "Nella giornata di ieri - aggiunge - sono stati somministrati 50mila vaccini. Fino al 13 agosto ci sono oltre 500mila cittadini che hanno la loro prenotazione e possono recarsi nei centri di somministrazione nella data e nell'orario indicato in precedenza. I tecnici sono al lavoro per riattivare in sicurezza anche le nuove prenotazioni e nessun dato è stato trafugato. Siamo in contatto costante con la struttura commissariale per garantire agli utenti che si vaccinano di avere il green pass secondo le consuete modalità".

Il presidente dells Regione Lazio Nicola Zingaretti ha dichiarato ieri sera, 1 agosto, che "nonostante l'attacco hacker abbiamo raggiunto il 70% della popolazione adulta nel Lazio vaccinata. Un immenso grazie a una straordinaria comunità della nostra regione che ha lavorato unita per questo obiettivo. Grazie ai cittadini del Lazio per la collaborazione che hanno dimostrato dall'inizio della pandemia. Con orgoglio e determinazione non fermiamoci". 

Sul gravissimo attacco intanto è stata aperta un'indagine dalla polizia postale e coordinata dalla procura di Roma.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attacco hacker al sito della Regione, D'Amato: "Campagna vaccinale continua, non ci fermeremo"

LatinaToday è in caricamento