rotate-mobile
Domenica, 26 Giugno 2022
Cronaca Borgo Sabotino / Strada Alta

Attacchi a Libera, Legambiente in campo contro illegalità e violenza

Il presidente Parlato in un incontro con l'associazione di Don Ciotti: "Per l'estate previsti campi internazionali di volontariato, ma servono subito interventi concreti della Regione"

Gli attentati violenti all’associazione Libera di Don Ciotti dei giorni scorsi fanno ancora, giustamente, parlare. Istituzioni, cittadini e associazioni fanno fronte comune nella lotta alla mafia e sono in prima linea per la combattere la diffusione della criminalità organizzata nella provincia di Latina.

Dopo l’ennesimo attacco intimidatorio dello scorso 11 novembre, quando sono state rubate le pompe dell’impianto idrico – che ricordiamo fa seguito a quello ancora più violento del 22 ottobre quando l’intero Villaggio della Legalità è stato distrutto -, Legambiente Lazio ha partecipato il fine settimana scorso ad un incontro proprio nella tensostruttura di Borgo Sabotino, con i rappresentanti del circolo Legambiente di Latina e di altre associazioni tra cui proprio Libera e Aifo.

Obiettivo, cominciare a progettare una serie di nuove iniziative e collaborazioni per il futuro del territorio pontino. “Basta intimidazioni, gli schifosi gesti non colpiscono nel segno, anzi ci rendono più determinati a proseguire il percorso intrapreso con le altre associazioni e a contrastare qualunque forma di illegalità e violenza” hanno dichiarato Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio, e Alessandro Loreti, presidente del Circolo Legambiente Arcobaleno di Latina.

Ma adesso è il momento di smetterla con le parole; per combattere le mafie c’è bisogno di gesti veri. E questo lo sanno i rappresentanti di Legambiente che affermano: “Dopo i numerosi attestati di solidarietà, ora ci aspettiamo dalle istituzioni regionali interventi concreti. L'approvazione all'unanimità da parte del Consiglio Regionale del Lazio della mozione di solidarietà nei confronti del Villaggio della Legalità è un primo segnale forte e dimostra che l'attenzione verso tutte quelle realtà quotidianamente impegnate a combattere le illegalità non è calata, ora non bisogna abbassare la guardia ma continuare a coinvolgere anche i cittadini in questa importante lotta”.

E Legambiente è pronta a scendere in campo, rafforzando la propria attività di volontariato nell'area, anche con campi internazionali da realizzare nella prossima estate.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attacchi a Libera, Legambiente in campo contro illegalità e violenza

LatinaToday è in caricamento