Attentato di Berlino, perquisizioni ad Aprilia: indagini su Amri portano nella provincia pontina

I controlli della polizia, disposti dalla Procura di Roma, in due abitazioni nel comune pontino in cui il tunisino accusato di essere l'autore della strage ai mercatini di Natale di Berlino sarebbe stato ospite lo scorso anno

Amri alla stazione di Milano - La fotografia diffusa dalla polizia italiana

Arrivano fino nella provincia pontina le indagini sull’attentato di Berlino dello scorso 19 dicembre e su Anis Amri, il presunto responsabile della strage al mercatino di Natale della capitale tedesca. 

La notizia di oggi, infatti, oltre a quella dell’arresto del presunto fiancheggiatore di Amri, è anche quella di alcune perquisizioni ad Aprilia, nella zona di Campoverde, disposte dalla Procura di Roma. 

I controlli da parte della Digos sarebbero scattati in due case del comune pontino. Si tratterebbe di due abitazioni in cui il giovane tunisino sarebbe stato ospite, secondo quanto accertato dal pm Francesco Scavo, lo scorso anno. 

Nelle stesse abitazioni potrebbero ancora risiedere alcune persone che hanno avuto rapporti con il terrorista tunisino. Le perquisizioni sarebbero scattate sulla base di alcuni contatti che Amri avrebbe avuto quando era in carecere in Italia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo una delle ipotesi investigative, al momento al vaglio degli inquirenti, la destinazione di Amri da Sesto San Giovanni, dove poi è stato uccisosarebbe potuta essere il centro Italia, forse proprio Aprilia. Le perquisizioni sono state disposte dal pm Scavo che sta lavorando in piena intesa, con scambio di informazioni, con il collega milanese Alberto Nobili.

TUTTE LE NOTIZIE SU ANIS AMRI

L'INTERVENTO DI CASAPOUND

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i contagi non si fermano: 139 nuovi casi nel Lazio e 11 in provincia

  • Latina, operazione "Dirty Glass": i nomi degli arrestati. Tra loro anche due carabinieri

  • Coronavirus, casi ancora in forte aumento: 165 in più nel Lazio e 23 in provincia

  • Operazione Dirty Glass: riciclaggio, estorsione e corruzione. Ecco i ruoli dei personaggi coinvolti

  • Operazione Dirty Glass: chi è Natan Altomare, "soggetto scaltro e pericoloso"

  • “Spregiudicato e di grande caratura criminale”: ecco chi è Luciano Iannotta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LatinaToday è in caricamento