Cronaca

Attentato in Congo, il ministro Di Maio: "Ai nostri caduti dobbiamo la verità". Funerali di Stato

Il ministro degli Esteri ha annunciato funerali di Stato e ha parlato alla Camera dopo il rientro in Italia, martedì sera, delle salme dell'ambasciatore italiano Luca Attanasio e del carabiniere originario della provincia di Latina Vittorio Iacovacci

"Nei nostri cuori abitano un dolore attonito e allo stesso tempo un orgoglio profondo per chi ha sacricato la propria vita al servizio della pace e dell'assistenza ai piu' deboli": Sono le parole del ministro degli Esteri Luigi Di Maio, riferendo alla Camera dei deputati sull'agguato in Repubblica democratica del Congo. Nel corso di un'informativa il ministro Di Maio ha ricordato che ieri sera ha accolto il rientro delle salme in Italia di due delle tre vittime dell'imboscata, l'ambasciatore Luca Attanasio e il carabiniere Vittorio Iacovacci. "E' stato straziante ieri sera con il primo ministro Mario Draghi accogliere le salme dei nostri connazionali vittime del vile agguato" ha detto il ministro. "Questo ritorno a casa tragico ci riempie di angoscia". "Ai nostri caduti - ha dichiarato - dobbiamo prima di tutto la verità". 

Il rientro in Italia delle salme di Luca Attanasio e Vittorio Iacovacci

"In conclusione - ha aggiunto - desidero ringraziare il personale della Farnesina e di tutte le altre amministrazioni che ci sono state vicine in questo triste momento e ci hanno aiutato ad assistere i familiari e organizzare il rientro delle salme e della famiglia di Luca. Ho immediatamente chiesto al Pam a Roma e alle Nazioni Unite, interessando direttamente il Segretario Generale Guterres, di fornire un rapporto dettagliato sull'attacco al convoglio del Programma Alimentare Mondiale". Il sacrificio di Luca Attanasio e Vittorio Iacovacci "illumina la vita dei molti, diplomatici e militari, che silenziosamente compiono il proprio dovere per difendere l'Italia e i nostri valori, in Paesi lontani e a rischio. È un sacrificio - ha annunciato Di Maio - che il Paese onorerà con funerali di Stato"

La salme dell'ambasciatore italiano e del carabinere di Sonnino uccisi in un attentato ad un convoglio dell'Onu nella Repubblica Democratica del Congo sono arrivate ieri sera, 23 febbraio, poco prima delle 23.30. L'aereo di Stato è atterrato all’aeroporto militare di Ciampino.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attentato in Congo, il ministro Di Maio: "Ai nostri caduti dobbiamo la verità". Funerali di Stato

LatinaToday è in caricamento