Atti persecutori alle ex, un divieto di avvicinamento e un arresto a Gaeta

I provvedimenti sono stati emessi dal tribunale di Cassino a carico di due uomini di 53 e 54 anni, responsabili degli stessi reati. Ai domiciliari è finito un 54enne, al quale è stato applicato un braccialetto elettronico

Due misure cautelari per atti persecutori a Gaeta.

A carico di un uomo di 54 anni sono scattati gli arresti domiciliari e lapplicazione del braccialetto elettronico, come disposto dal tribunale di Cassino. Il provvedimento di arresto scaturisce da un’attività di indagine condotta dai carabinieri del luogo a seguito di reiterati comportamenti persecutori. Il 54enne era infatti già stato arrestato a settembre del 2016 per lo stesso reato. Vittima di messaggi minatori la sua ex moglie, che in un’occasione era stata anche molestata fisicamente e insultata.

Una misura di divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa è stata invece emessa dal tribunale di Cassino a carico di un altro uomo residente a Gaeta, 53enne. In questo caso la vittima era la sua ex compagna , che aveva subito ingiurie, minacce, danneggiamenti e pedinamenti dopo aver comunicato la decisione di interrompere la loro relazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Latina: altri 5 decessi in provincia, 139 i nuovi casi positivi

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus Latina: sono 169 i nuovi casi positivi in provincia. Altri tre decessi

  • Coronavirus, nuova impennata: 309 casi in provincia, quattro morti. In aumento i ricoveri

  • Coronavirus Latina: la curva dei contagi non si piega, altri 257 in provincia. Tre i decessi

  • Tamponi in farmacia, dove farli a Latina e provincia. L'elenco completo e gli indirizzi

Torna su
LatinaToday è in caricamento