Cronaca Minturno

Atti persecutori verso l’ex collega, in manette un 64enne a Minturno

La vittima era stata citata come testimone in una causa di licenziamento dell'uomo; da qui l'inizio delle minacce di morte e degli appostamenti per incutere in lui timore

La sua colpa, secondo una prima ricostruzione dei fatti, sarebbe quella di aver testimoniato in una causa di licenziamento avviata dopo che un uomo di 64 anni di Minturno aveva perso il lavoro.

Questi i motivi alla base degli atti persecutori posti in essere dal 64enne ai danni di un suo ex collega e che, alla fine, hanno portato al suo arresto.

Le manette per C. A. sono scattate nella giornata di ieri in un’operazione condotta dai carabinieri del locale comando stazione.

Da mesi, infatti, l’uomo si era reso protagonista di continui atti persecutori, consistenti in minacce di morte ed appostamenti per incutere timore, nei confronti di un 37enne sempre di Minturno e suo ex collega di lavoro.

Secondo i militari gli episodi potrebbero essere proprio ricondotti alla causa di licenziamento del 64enne, in cui la vittima era stata citata quale testimone.

L’uomo arrestato è stato sottoposto ai domiciliari presso la propria abitazione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Atti persecutori verso l’ex collega, in manette un 64enne a Minturno

LatinaToday è in caricamento