rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
Cronaca

Banda delle rapine in manette, le indagini: in carcere i detenuti avevano il cellulare

Le investigazioni hanno portato a scoprire che il figlio di uno degli arrestati, condannato per omicidio, continuava ad a comunicare con l'esterno

"Un ottimo risultato quello raggiunto, che ci dà forza nel pensiero che uniti si vince.Non disperdendo le forze ma anzi unendo l'azione di Procura, polizia e carabinieri e tutte si raggiungono risultati importanti" Così il procuratore capo facente funzioni Carlo Lasperanza ha commentato l'operazione congiunta di carabinieri e polizia di Stato che ieri ha portato all'arresto di sette persone accusate a vario titolo di rapina aggravata, estorsione, detenzione di armi e spaccio di droga, componenti di due distinti gruppi criminali pronti a colloborare e a scambiarsi manovalanza all'occorrenza.

Il gruppo in azione: il video delle rapine

Tra i destinatari dell'ordinanza di custodia cautelare in carcere ci sono Marco Ranieri, arrestato a dicembre scorso perché preparava insieme a Cristian Caloroso e a un altro complice una rapina alla Banca Popolare di Milano di Marino, e suo figlio Manuel, 24 anni. Il ragazzo si trovava già in carcere,  condannato nel 2015 per l'omicidio di Nicolas Adrian Giuroiu, rumeno ucciso a colpi di pistola a Borgo Sabotino e poi gettato in un pozzo di un'azienda di Cisterna. Responsabile dell'omicidio e già condannato anche il fratello di Manuel, Mirko, all'epoca addirittura minorenne. Neanche la detenzione ha però fermato i propositi criminali del gruppo.

Estorsione con la casa popolare

Nel corso delle indagini sulle rapine gli investigatori sono riusciti a scoprire infatti che Marco Ranieri e il figlio MIrko avevano frequenti contatti telefonici perché il ragazzo in carcere disponeva di un cellulare che utilizzava per comunicare con l'esterno. Un fenomeno grave sottolineato dallo stesso procuratore Lasperanza: "Si tratta di un fenomeno diffuso - ha spiegato - grazie al quale i detenuti non solo continuano a comunicare con l'esterno ma addirittura riescono ad impartire direttive. Si tratta di fatti gravi che purtroppo non configurano però un reato specifico ma solo un illecito". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Banda delle rapine in manette, le indagini: in carcere i detenuti avevano il cellulare

LatinaToday è in caricamento