IL CASO - Quartiere R2: “Tra barriere architettoniche e malamministrazione”

La denuncia di Quartieri Connessi dopo le segnalazioni dei residenti: “Nel quartiere R2 un esempio di come il degrado viene costruito insieme alle opere pubbliche. Ennesimo caso di malamministrazione a danno di disabili e anziani

Ennesimo caso di malamministrazione a danno dei cittadini più deboli, i disabili e gli anziani”. Questa la denuncia dell’associazione Quartieri Connessi che si è fatto portavoce di alcune segnalazioni da parte dei residenti del quartiere R2 a Latina.

“A detta dei residenti - si legge in una nota dell’associazione -, le strade, i marciapiedi e la segnaletica della piazza antistante la costruenda chiesa di Santa Chiara, sono state completate circa 7 mesi fa. Salta subito all’occhio che dei circa 15 attraversamenti pedonali, nessuno è fruibile dalle persone che si muovono con una sedia a rotelle o da persone a ridotta mobilità.

Appare evidente la perversa volontà dei costruttori di inserire su ciascun attraversamento pedonale un ostacolo atto a impedirne l’utilizzo. Si va dalla classica mancanza dello scivolo, allo scivolo presente solo da un lato; dalle strisce pedonali spostate di diversi metri rispetto agli scivoli agli assurdi dossi che non si raccordano col marciapiede costringendo i pedoni e i disabili a delle vere e proprie manovre acrobatiche”.

Il riferimento è quanto accade in particolare nella zona tra via degli Aurunci e via degli Elleni come appare in un video che l’associazione ha voluto realizzare per denunciare, anche in maniera ironica, quello che viene definito l’”ennesimo episodio di malamministrazione” ed evidenziare “la triste realtà di chi, costretto su una sedia a rotelle, deve salire su un marciapiede o attraversare una strada, e si ritrova ad effettuare mille peripezie per percorrere pochi metri”. 

R2, IL QUARTIERE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE: IL VIDEO

"Quartieri Connessi - conclude la nota - chiede l’immediata cessazione di queste collaudate pratiche di malamministrazione e auspica che gli autori di tali scempi (politici, dirigenti comunali, tecnici progettisti, tecnici collaudatori…) possano finalmente pagare per i gravissimi danni che arrecano alla collettività e che siano processati e condannati per le loro gravissime responsabilità penali, civili e amministrative”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Pontina: investito da un tir, muore un uomo di 43 anni

  • Coronavirus Latina, la curva sale ancora: 260 nuovi contagi in provincia. Tre i decessi

  • Coronavirus Latina: sono 169 i nuovi casi positivi in provincia. Altri tre decessi

  • Coronavirus Latina: nuovi casi ancora sopra i 200 in provincia. Altri 6 decessi

  • Morto dopo un inseguimento, la guardia giurata condannata a nove anni per omicidio

  • Coronavirus, altri 209 contagi e tre morti in provincia. Boom di casi a Terracina

Torna su
LatinaToday è in caricamento