71° anniversario della battaglia di Cisterna, la sfilata dei mezzi d’poca

La cerimonia in occasione del 71esimo anniversario dello sbarco di Anzio e della battaglia di Cisterna - 29 gennaio 1944 -; il 24 gennaio si terrà proprio a Cisterna la sfilata dei mezzi bellici d'epoca con visita nelle grotte

Si terrà sabato 24 gennaio, nell’ambito delle cerimonie per il 71esimo anniversario della battaglia di Cisterna, la sfilata dei mezzi bellici d’epoca organizzata dalla Highway Six Club e dall’Automotoclub Storico Italiano, che domani farà tappa proprio a Cisterna

Nella giornata di ieri intanto, a 21 anni dallo sbarco di Anzio - avvenuto il 22 gennaio del 1944 data che ha segnato la svolta nelle sorti della grande guerra e anche della provincia pontina con Cisterna che a partire dal 29 gennaio divenne teatro di uno durissimo scontro tra le truppe tedesche e quelle americane -, si sono svolte a Nettuno, presso il suo cimitero americano e ad Anzio, le cerimonie per commemorare lo sbarco alleato. Presenti le rappresentanze di numerosi comuni tutti coinvolti nei drammatici eventi, tra cui anche il Comune di Cisterna di Latina, medaglia d’argento al Valor Civile, rappresentato dal consigliere Monica Marasca.

LA SFILATA DEI MEZZI D’EPOCA - L’arrivo è previsto per le ore 12,30 circa presso la sede della Protezione Civile, in via Bari. Dopo una sosta per il pranzo nel campo allestito dai volontari della Protezione Civile, la colonna dei mezzi d’epoca si sposterà verso il centro della città attraversandolo e facendo sosta alle ore 14,30 circa in Piazza XIX Marzo, dinanzi lo storico Palazzo Caetani.

I mezzi rimarranno esposti al pubblico mentre sarà possibile effettuare visite guidate nelle grotte utilizzate dalla popolazione come rifugio dai bombardamenti aerei.
Alle 16 si terrà un incontro con le autorità comunali e gli esponenti del club HW6 con la consegna delle targhe ricordo.
Quindi alle 16,30 la storica autocolonna lascerà Piazza XIX Marzo concludendo la commemorazione.

“Cisterna – afferma il sindaco Eleonora Della Penna – ha avuto un ruolo centrale nelle sorti della guerra. La popolazione e la stessa città hanno pagato duramente questo ruolo ma hanno anche saputo essere esempio di sacrificio, di solidarietà e soprattutto di volenterosa rinascita. Ricordare questi drammatici momenti della nostra storia, dunque, è un fatto importante affinché possano essere giustamente onorati i sacrifici e le sofferenze dei nostri avi ma anche per far sì che simili tragedie non debbano ripetersi in futuro”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco la prima mascherina senza elastici: l’idea di un giovane di Priverno

  • Aperte anche le spiagge libere, ecco le regole: bagno fino alle 19 e distanze di sicurezza

  • Coronavirus: nel Lazio 21 nuovi casi, in provincia 544 contagi totali

  • Coronavirus: nuovi contagi distribuiti nei comuni di Latina, Maenza, Priverno e Cisterna

  • Stagione balneare al via, si torna al mare anche a Sabaudia: tutte le regole e i divieti

  • Coronavirus: nel Lazio solo 12 nuovi contagi, in provincia le vittime salgono a 35

Torna su
LatinaToday è in caricamento