Formia, biblioteca comunale: sole sei ore settimanali di pomeriggio

È ancora polemica sullo scarso servizio offerto al cittadino. Il problema sempre lo stesso: l'orario proibitivo. Le raccolte firme consegnate al comune non hanno mai ricevuto risposta

La biblioteca comunale di Formia

Nella centralissima via Vitruvio di Formia è situata la biblioteca comunale “Tenente Filippo Testa”. Fornita di libri di vario genere e di quotidiani è frequentata da molti ragazzi, sia studenti universitari che studenti delle scuole superiori.

L'ambiente è spazioso e accogliente e la maggior parte dei testi può andare in prestito. Per quanto riguarda, invece, i libri non presenti in sede si può ricorrere agevolmente al presisto interbibliotecario; di fondamentale importanza risulta essere, infatti,  il “Sistema Bibliotecario Sud Pontino” un'associazione delle biblioteche comunali della Regione Lazio che ha come obiettivo il miglioramento e lo sviluppo del servizio di pubblica lettura.
Il servizio offerto al cittadino risulta quindi molto buono, ma vi è una nota dolente: l'orario. La struttura è aperta dal lunedì al venerdì dalle 09 alle 13, e il martedì e il giovedì anche il pomeriggio dalle 16 alle 19. Un totale, quindi, di sole sei ore settimanali a disposizione degli studenti delle scuole, nonostante questi siano forse i più bisognosi di una sala di lettura e di manuali sui quali fare ricerche.

I frequentatori della biblioteca negli anni passati hanno organizzato diverse raccolte firme, ma la situazione non è mai cambiata.
"Durante gli scorsi anni avremmo raccolto e consegnato al comune più di 800 firme - sostiene Alfredo Miraglia, uno degli studenti che si sono occupati della protesta - ma non abbiamo mai ricevuto alcun tipo di risposta. Volevamo dare un segnale forte e far capire che gli orari non permettono agli studenti delle superiori di sfruttare la biblioteca se non per pochissime ore a settimana. Inoltre - continua il giovane studente - la struttura è sprovvista di postazioni internet e/o di un router Wi-Fi, nonostante questi siano strumenti fondamentali per un apprendimento che unisca la parte manualistica al sapere ottenuto con ricerche proprie. La situazione non può certo meravigliarci se pensiamo che non c'è nemmeno una fotocopiatrice".

Di quanto riportato dal portavoce degli studenti ciò che stupisce in particolar modo è il totale silenzio del Comune, benché le richieste risultino più che lecite. Il silenzio, inoltre, si è protratto a lungo; le firme sono state raccolte più di una volta e sebbene sia passato diverso tempo ancor oggi il motivo della mancata modifica dell'orario è avvolto nel mistero.

E' un vero peccato che un servizio buono e funzionante faccia parlare di sé non per i propri punti di forza ma per l'orario proibitivo, ma del resto è innegabile che sei ore pomeridiane siano davvero poche per gli studenti delle scuole superiori. Insomma un buon servizio se non accessibile (o accessibile con forti limiti temporali) diventa un servizio mediocre. Il tutto sta nel capire se ci si vuole accontentare.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sezze, prostituzione minorile: 50enne fa sesso con una ragazzina pagando la madre

  • Straordinaria scoperta a Priverno: scheletri e sepolture di epoca medievale

  • Lavori sulle condotta idrica, Latina senza acqua giovedì 12 settembre

  • Garage a fuoco in via Geminiani: evacuato un palazzo. Intossicati alcuni residenti

  • Incidente sul lavoro a via Monti, lesioni compatibili con la caduta dal ponteggio

  • La buona sanità a Formia, bimbo cade e si rompe la milza: il chiururgo torna in ospedale e lo salva

Torna su
LatinaToday è in caricamento